iPhone 8: gli ultimi rumors rivelano la vera scommessa di Tim Cook

La Apple non ha paura di prendere decisioni e la scommessa di Tim Cook si rivela negli ultimissimi rumors riguardanti iPhone 8.

di , pubblicato il
La Apple non ha paura di prendere decisioni e la scommessa di Tim Cook si rivela negli ultimissimi rumors riguardanti iPhone 8.

Mentre continuano a diffondersi rumors e conferme intorno a iPhone 8, gli unici veri dubbi rimangono intorno alla questione del Touch ID e del riconoscimento biometrico. Dopo aver eliminato il jack per le cuffie, Tim Cook ha davvero pensato di eliminare anche il lettore per le impronte digitali? Analizziamo con attenzione tutti gli elementi in nostro possesso.

Qui, scontento dei rumors su iPhone 8? La questione del Touch ID e la coraggiosa decisione di Apple.

iPhone 8, il design ci dice qualcosa del problema del Touch ID

Stando a quanto visto più e più volte da parte di produttori di case o mediante dummy units, Apple ha deciso di creare un dispositivo all-screen con margini ridottissimi e una sorta di ‘isola’ di sensori capace di rendere ancora più sottile il bordo superiore. Le curvature andranno poi a incontrare il vetro nel retro. La prima grande scelta su iPhone 8 è stata quella di eliminare il tasto circolare fisico Home button, davvero iconico, ed è proprio questo che ci conduce direttamente alla questione del Touch ID.

Sin da iPhone 5S, infatti, il lettore era integrato proprio all’interno del tasto, divenendo di fatto anche un elemento essenziale per quanto concerne lo sviluppo del software iOS, mediante la possibilità di sbloccare il dispositivo, effettuare pagamenti autenticati, attivare Apple Pay e tanto altro. Senza Home button, che fine fa il Touch ID?

Ecco che iPhone 8 avrà un display extralarge (video) e arrivano splendide immagini in Total White e Silver (foto).

iPhone 8, i vari scenari per il Touch ID

La soluzione ideale era stata immaginata sin dall’inizio, ma qualcosa è andato storto: l’idea era di integrare il Touch ID nel pannello OLED di iPhone 8, in maniera tale da rendere l’immaginario del melafonino ancora più ‘magico’: certo, è possibile che una semplice pellicola protettiva del display rendesse meno utilizzabile il sensore. Anche Samsung sembra aver abbandonato questa idea per il suo nuovo Galaxy Note 8, dove il lettore sarà posizionato nel retro, soluzioni con poco appeal, come su Galaxy S8. La Apple sembra avere invece intenzione di sostituire completamente il Touch ID con un sistema di riconoscimento biometrico del volto o mediante scanner dell’iride o con entrambe le opzioni.

Il nodo riguarda il fatto che lo scanner dell’iride o il riconoscimento in 3D necessitano di un metodo secondario di sblocco, un PIN, una password o proprio del lettore per le impronte digitali. Si può immaginare, allora, che Apple abbia intenzione di lavorare lato software sulla questione: uno dei render più affidabili mostrava infatti un iPhone 8 con un tasto d’accensione particolarmente allungato, come strada secondaria qualora il riconoscimento facciale o dell’iride non dovesse funzionare al meglio. La scommessa di Tim Cook è propria questa: trovare una soluzione software o integrare il lettore nel tasto allungato.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , ,

I commenti sono chiusi.