iPhone 2018 con ricarica rapida, ma solo su autenticazione

Apple opta per la ricarica rapida su autenticazione, i nuovi iPhone 2018 potrebbero richiedere la certificazione per accessori di terze parti.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Apple opta per la ricarica rapida su autenticazione, i nuovi iPhone 2018 potrebbero richiedere la certificazione per accessori di terze parti.

La ricarica rapida dei nuovi iPhone 2018 potrebbe essere leggermente diversa da come ce l’aspettiamo. A settembre Apple presenterà i nuovi device, si attende un trittico di smartphone davvero eccezionali, ma ora arrivano indiscrezioni interessanti da parte di MacOtakara, sito giapponese molto preparato sulle news dei melafonini.

Ricarica rapida iPhone 2018

Ricarica rapida solo su autenticazione, cosa significa? Significa che i nuovi iPhone che Apple sta per lanciare potrebbero richiedere l’autenticazione via USB-C, cosa che potrebbe inizialmente escludere accessori di terze parti. Ciò significa quindi che tale funzionalità sarà disponibile solo per gli accessori originali della mela morsicata. La testata giapponese infatti afferma che  il nuovo caricatore per gli iPhone 2018 richiederebbe l’autenticazione del device tramite USB-C, con lo standard C-AUTH, per poter abilitare la ricarica veloce.

Potrebbe interessarti anche: Galaxy X, lo smartphone pieghevole ha finalmente una data di uscita

Se si useranno invece accessori di altre aziende l’alimentazione potrebbe essere limitata via hardware a un massimo di 2.5W. Come mai Apple ha deciso di adottare questo sistema? Ci sono diverse motivazioni che possono rispondere a questa domanda, innanzitutto richiedendo la verifica dei device, Apple può minimizzare il rischio di danneggiamento dovuto all’uso di accessori non certificati, inoltre l’autenticazione previene una buona parte di tentativi di accesso illecito tramite le porte USB.

Ad ogni modo, la mossa successiva che gli esperti attendono è una serie di accordi tra aziende, così da certificare anche i prodotti di terze parti, in modo da abilitarli poi alla ricarica rapida dei nuovi smartphone in arrivo. Tale procedimento è appunto lo scopo del programma Mfi. Si tratterà soltanto di attendere, visto che solitamente tale processo necessita di un po’ di tempo, visto che tra il lancio dei melafonini e le nuove certificazioni passeranno alcuni mesi.

Potrebbe interessarti anche: Il pericolo corre via email, ecco il messaggio che infetta i router

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Smartphone, Apple iPhone