Internet Explorer al sicuro: Microsoft decide di salvare anche Windows XP

Internet Explorer è stato messo al sicuro grazie a un apposito aggiornamento rilasciato da Microsoft. Redmond, contrariamente alle aspettative, ha deciso di salvare anche Windows XP, pur ribadendo che si tratta solo di un'eccezione.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Internet Explorer è stato messo al sicuro grazie a un apposito aggiornamento rilasciato da Microsoft. Redmond, contrariamente alle aspettative, ha deciso di salvare anche Windows XP, pur ribadendo che si tratta solo di un'eccezione.

Internet Explorer è al sicuro: Microsoft ha rilasciato un aggiornamento (KB2929437) nel pomeriggio del 1° maggio che risolve la grave falla che aveva colpito il browser. Contrariamente alle aspettative, Redmond ha deciso di salvare anche Windows XP: ci eravamo dunque sbagliati sul conto del sistema operativo andato in pensione? Sì, anche se i vertici Microsoft continuano a sollecitare gli utenti a passare a un sistema operativo più recente, la risoluzione del bug anche su Windows XP è un segnale importante ed evidente di come la falla fosse di un’ingente gravità. 

 

LEGGI ANCHE

Internet Explorer in pericolo: Microsoft corre ai ripari, ma non per Windows XP

 

Patch per Internet Explorer: guida all’aggiornamento

La patch rilasciata da Microsoft è identificabile come KB2929437 e installarla sul proprio PC è decisamente consigliabile per evitare eventuali aggressioni da parte dei pirati informatici che potrebbero sfruttare la falla per installare malware sui computer degli utenti e prenderne il controllo. 

L’aggiornamento dovrebbe essere automatico, ma solo se avete attivi gli update di Windows, pertanto la patch dovrebbe installarsi da sola sul vostro PC: nel caso in cui non abbiate gli aggiornamenti automatici attivi, dovrete aprire Windows Update e installare gli aggiornamenti manualmente. 

 

Perché Microsoft ha deciso di salvare Windows XP?

Nessuno si aspettava che Microsoft decidesse di salvare anche Windows XP, sistema operativo per il quale Redmond ha terminato il supporto l’8 aprile scorso, e invece siamo stati smentiti. 

Microsoft continua a invitare gli utenti ad abbandonare Windows XP e a passare a un sistema operativo più recente, ma vista la gravità della falla, ha deciso comunque di rilasciare una patch che risolva il problema anche per l’OS andato in pensione. 

“Quando abbiamo visto le prime news su questa vulnerabilità, abbiamo deciso di risolvere velocemente il problema per tutti i nostri clienti”, ha affermato Adrienne Hall, General Manager della Microsoft Trustworthy Computing. Quasi le stesse affermazioni quelle rilasciate da Dustin Childs, responsabile del Response Communications Microsoft Trustworthy Computing, il quale ha tuttavia ribadito come la patch per Windows XP è da considerarsi solamente come un’eccezione

Eccezione che, secondo alcuni analisti, potrebbe ripetersi nel caso di ulteriori falle pericolose in grado di danneggiare la sicurezza degli utenti Microsoft. Su questo non siamo sicuri, ma il fatto che ancora una consistente percentuale di utenti utilizza PC equipaggiati con Windows XP potrebbe essere una prova delle future intenzioni di Microsoft. 

Il consiglio, tuttavia, è sempre quello di passare a Windows 7 o 8 per avere un sistema di sicurezza sempre garantito in ogni occasione e proteggersi dai malintenzionati. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Sistemi operativi