Meglio essere governati dall’intelligenza artificiale che dai politici, lo dice un sondaggio

Uno studio rivela che gli italiani preferiscono essere governati dall'intelligenza artificiale.

di , pubblicato il
Intelligenza artificiale

Il populismo diventa tech, interessante sondaggio rivela che molti paesi preferirebbero essere governati da un’intelligenza artificiale anziché da un politico in carne e ossa. È quanto emerge dalla ricerca effettuata dal Center for the Governance of Change dell’IE University di Segovia, in Spagna.

Intelligenza virtuale meglio dei politici

Che ci sia ormai da tempo, forse da sempre, una bassa fiducia verso il mondo della politica e i suoi esponenti, è ormai un dato di fatto. Probabilmente però mai ci saremmo aspettati che molti avrebbero addirittura lasciare il governo in mano ai robot. È questo infatti lo scenario che lo studio spagnolo ha rivelato, con 11 paesi esaminati, tra cui anche l’Italia. Il 59% dei nostri concittadini ha infatti optato per algoritmi a base di intelligenza artificiale, al posto di uomini e donne della nostra politica. Provocazione per palesare la totale sfiducia nei nostri governanti o davvero si sta aprendo un nuovo scenario che fino a poco prima avremmo definito fantascientifico se non addirittura distopico?

La ricerca spagnola ha preso in esame 2.769 persone intervistandole in merito alla situazione politica del proprio paese e chiedendo loro se preferirebbero invece affidarsi a una complessa intelligenza artificiale per governare la nazione. Più precisamente, la domanda faceva riferimento alla riduzione del numero dei parlamentari per lasciar posto a un algoritmo AI e chiedeva agli intervistati come si sarebbe sentita in tal caso. La media europea è più bassa di quella italiana che, come detto è del 59%. Rimane comunque sostanzialmente favorevole, visto che il 51% degli europei si dice al favore dell’IA al posto dei parlamentari.

Intelligenza artificiale al potere

Tra gli europei i più scettici sono gli spagnoli, con il 66% favorevoli all’AI.

Incontrovertibile invece il dato cinese, i quali addirittura hanno sparato un notevole 75%. All’opposto invece la Gran Bretagna con il 69% degli intervistati che preferisce i politici. Anche gli USA preferiscono gli umani, con il 60% dei voti a favore. Più basse, ma comunque pro-human, anche le percentuali di Olanda e Germania, rispettivamente del 56 e 54%. Ad ogni modo, l’intelligenza artificiale si appresta a fare capolino anche nel mondo della politica, e questo, come lo stesso ideatore del sondaggio Osca Jonsson fa notare, dimostra chiaramente un disamore verso la classe dirigente.

Potrebbe interessarti anche Startup per l’intelligenza artificiale riceve finanziamento di 220 milioni di dollari

Argomenti: