Intelligenza artificiale, il flop del Face ID di iPhone X palesa il fallimento di tutto il sistema?

Dubbi sull'IA dopo i casi di flop relativi al Face ID di Apple. Il mondo della tecnologia si interroga. Ci sono davvero limiti insuperabili?

di , pubblicato il
Dubbi sull'IA dopo i casi di flop relativi al Face ID di Apple. Il mondo della tecnologia si interroga. Ci sono davvero limiti insuperabili?

Il mondo dell’intelligenza artificiale continua a fare passi da gigante, ma non tutti concordano sui reali progressi della tecnologia in questione. C’è chi sostiene che le suggestioni della fantascienza rimarranno un’utopia, chi invece all’opposto sostiene che un giorno tutto sarà reale. Intanto, mentre il mondo della realtà aumentata si dimostra già perfettamente a misura d’uomo, l’IA fa ancora tanta fatica a raggiungere lo step definitivo. Il caso più eclatante sembra essere quello del Face ID di iPhone X, sempre più flop per molti utenti del web.

iPhone X, il machine learning si è inceppato

Qualcosa non sta funzionando come dovrebbe nel sistema di riconoscimento facciale del nuovo iPhone X. Fa molto discutere il video appena postato su Youtube di una mamma che sblocca e riblocca il device, per poi passarlo al figlio di 10 anni. A quel punto il ragazzino avvicina il volto al melafonino e questi si sblocca tranquillamente come prima con la madre. Insomma, il Face ID palesa un nuovo caso di malfunzionamento, in questo caso documentato con un video inappuntabile. Cosa sta succedendo?

Leggi anche: Hacker sbloccano il Face ID di iPhone X, nuova tegola per Apple

Il motivo del problema risiede proprio nell’IA, ovvero nel sistema di riconoscimento facciale gestito dal machine learning, la tecnica di apprendimento automatico della macchina che sta mostrando non solo le sue pecche, ma cosa più inquietante, le pecche di tutto il sistema in generale. Il riconoscimento facciale di Apple deve tener conto del cambiamento fisiognomico del proprietario con l’invecchiamento, ma anche con la crescita di barba e baffi, oppure con un make up particolarmente pesante. Per non contare poi i differenti cambi di capelli che potrebbero fuorviarne l’identificazione. Insomma, ci sono tanti fattori che il Face ID deve considerare, il machine learning deve imparare appunto a riconoscere tutti questi parametri, ed accorparli ad un unico volto, quello del proprietario.

IA, madre e figlio si somigliano, il sistema va in tilt

In questo caso specifico, la somiglianza tra madre e figlio ha mandato il sistema del Face ID in tilt. Ecco dunque spiegata la problematica che ha causato lo sblocco del melafonino. E’ evidente che il machine learning del device ha associato il volto del piccolo ad un differente viso della stessa persona configurante nel suo proprietario. Per dirla in parole povere, la macchina ha creduto che il bambino fosse la madre stessa, ma magari senza trucco o con un taglio di capelli diverso, o in un periodo temporale diverso, quindi leggermente cambiata morfologicamente. Bisognerà dunque far sì che l’IA impari anche nuovi parametri per riconoscere queste differenze categoriche.

E magari, una volta riusciti in questo, si potrà addirittura rilevare la differenza tra due gemelli.

Leggi anche: Device pieghevoli, nel 2018 avremo molti dispositivi con questa caratteristica, anche Microsoft si adegua

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.