Immuni, l’app non si può scaricare su questi smartphone

Non tutti gli smartphone possono scaricare Immuni, ecco quali non sono idonei.

di , pubblicato il
Non tutti gli smartphone possono scaricare Immuni, ecco quali non sono idonei.

Altra tegola per l’app Immuni, dopo i problemi sulla privacy e quelli di sessismo, ora c’è uno di ordine tecnico, non tutti gli smartphone infatti possono scaricarla, alcuni device sono ormai obsoleti o presentano comunque caratteristiche che non ne consentono il download.

Immuni, gli smartphone out

Per funzionare avrà bisogno che circa il 65% della popolazione lo scarichi, nella prima giornata sono arrivati già 500 mila download, i che fa ben sperare, ora però ci accorgiamo che non tutti i device riescono ad avere questa app per il tracciamento contro il Covid 19. Su Bending Spoons si legge: “I requisiti di sistema per usare Immuni sono imposti dalla tecnologia sottostante di Apple e Google, che non è disponibile per versioni precedenti di iOS, Android e Google Play Services”.

Gli smartphone di vecchia generazione quindi saranno esclusi. Per quanto riguarda Apple ad esempio, tutti i device precedenti a iOS 13.5 sono out, quindi parliamo odi iPhone 6 del 2014, come dei precedenti iPhone 5 e 5s. Naturalmente, i modelli ancora più vecchi il discorso non cambia, anzi non vedranno neppure l’icona dell’app nello store.

Diverso analogo per Android, la versione richiesta è quella dal 2015 in poi, quindi almeno Android 6. Importante però che la versione del Play store di Google sia aggiornata a sufficienza, ovvero Google Play Services versione 20.18.13 o superiore. Oltre ai device datati però dobbiamo ricordare che anche Huawei è per ora esclusa, parliamo naturalmente degli ultimi modelli dell’azienda cinese, quelli cioè banditi da Google e che non hanno quindi accesso alle app dello store di Big G. Altri modello fuori gioco sono Samsung Galaxy S4 ed S3 (del 2013 e 2012), Motorola Moto, Moto X (2013) e Moto E (2014), LG G2, (2013).

Potrebbe interessarti anche iOS 14, a fine mese l’upgrade, ecco smartphone e iPad che si aggiorneranno

Argomenti: