IBM verso il futuro al Think 2021, dall’Intelligenza artificiale ai nuovi partner

Think 2021, evento che IBM ha organizzato per parlare delle nuove tecnologie adottate.

di , pubblicato il
Think 2021, evento che IBM ha organizzato per parlare delle nuove tecnologie adottate.

Importanti novità presentate da IBM nel corso del Think 2021, evento che IBM ha organizzato per parlare delle nuove tecnologie adottate. Stiamo parlando di Intelligenza Artificiale (AI), Hybrid Cloud e Quantum Computing, nuove tecnologie per la trasformazione digitale delle aziende.

IBM e le nuove tecnologie

La missione è facilitare il ritorno alle attività dopo la pandemia che ha colpito il mondo intero e favorire quindi la ripresa del business delle varie aziende. Per farlo è necessario attuare quella trasformazione digitale che ormai sembra essere condizione necessaria per affrontare la pandemia che ci ha colpito. Emblematiche in questo senso le parole di Arvind Krishna, Presidente e CEO di IBM: “Guarderemo a quest’anno e allo scorso come al momento in cui il mondo è entrato a pieno titolo nel secolo digitale. Nello stesso modo in cui abbiamo elettrificato le fabbriche e le macchine nel secolo scorso, useremo il cloud ibrido per diffondere l’Intelligenza Artificiale nel software e nei sistemi nel 21° secolo”.

Intelligenza artificiale e collaborazione industriale. Sono questi i due punti sul quale battere forte secondo IBM. Il colosso ha infatti già avviato il processo di affiliazione con altre imprese al fine di rafforzare l’ecosistema delle sue partnership. Per quanto riguarda invece l’IA, anche in questo caso la pandemia ha insegnato molto. Le statistiche rilevate da IBM infatti dimostrano che durante tutta la fase di massiccio lockdown avvalersi dell’intelligenza artificiale nei processi aziendali è diventato pregnante.

IBM e intelligenza artificiale

Dei professionisti IT intervistati, il 43% ha detto che le loro aziende hanno accelerato il loro rollout di IA. Da qui parte il nuovo lavoro di IBM che ha sviluppato nuove soluzioni per coniugare intelligenza artificiale e big data.

AutoSQL nasce proprio a questo scopo, in software in grado di gestire i dati con Cloud Pak for Data, la piattaforma di IBM per la raccolta e l’analisi dei dati. Con AutoSQL i clienti possono ottenere le risposte ai dati più velocemente e anche in maniera più economica, visto che costa la metà rispetto agli altri data warehouse.

Altro progetto presentato nell’evento è Watson Orchestrate, che è basato su una IA in grado di aumentare la produttività personale dei professionisti dei vari team del business, e senza richiedere particolari conoscenze informatiche da parte dell’utente. Infine, c’è Maximo Mobile, una piattaforma che facilita il lavoro dei tecnici offrendo loro i dati operativi degli asset migliori, facilitandone poi il lavoro effettivo. IBM ha poi presentato le nuove partnership. Aziende come CVS Health e Ernst & Young (EY) entrano quindi a far parte del suo nuovo ecosistema.

Potrebbe interessarti anche Google Cloud e Minsait insieme, la nuova era della trasformazione digitale

Argomenti: ,