I ricercatori del MIT preparano MapLite, niente più mappe per le auto connesse

Arriva MapLite, il nuovo sistema per le auto connesse e a guida autonoma messo a punto dai ricercatori del MIT.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Arriva MapLite, il nuovo sistema per le auto connesse e a guida autonoma messo a punto dai ricercatori del MIT.

Importante novità in arrivo per le auto connesse e a guida autonoma, arriva MapLite. I ricercatori del MIT hanno elaborato un sistema che consenta di evitare le mappature delle strade per i veicoli connessi e le loro infrastrutture.

MapLite, più importante di quanto si creda

GPS e sensori, questi i due strumenti che basteranno alle auto super tecnologiche dell’imminente futuro, ovviamente grazie ai ricercatori del MIT che si stanno impegnando a fondo per portare a termine MapLite, un sistema che permetterà di evitare le mappature delle strade, e risparmiare quindi un bel po’ di spazio all’archiviazione dei dati. Uno dei grandi problemi che gli scettici della guida autonoma e delle auto connesse (strettamente correlate al self driving car) facevano notare era l’impossibilità di archiviare tutte le informazioni che bisogna avere per permettere l’utilizzo di queste super car su strada.

Potrebbe interessarti anche: OnePlus 6 non ha più misteri, svelata la scheda tecnica, c’è anche il notch

Scambiare dati significa collegare le auto tra loro via internet, quindi per questo motivo connesse, dati che dovranno mappare tutte le strade da percorrere e condividere queste informazioni con le infrastrutture che sorreggono l’intero sistema. Si parla inoltre di dati in continuo aggiornamento, visto che ad esempio gli aggiornamenti delle mappe sono da fare periodicamente, lo sa bene chi è in possesso di un navigatore e proprio non può viaggiare senza. Con MapLite però tutto questo sembra essere superfluo.

Il funzionamento di MapLite sembra essere molto semplice: esso sfrutta i dati di partenza del GPS, mentre i sensori LIDAR faranno il resto: tali sensori infatti generano un percorso fino al raggiungimento del punto specifico relativo alla destinazione data, la tecnologia LIDAR sarà quindi in grado di rilevare la posizione dei limiti della strada così da permettere all’auto di seguire la strada come se fosse a conoscenza della sua vera mappa.

Potrebbe interessarti anche: Google News cambia, nuova interfaccia e IA per notizie personalizzate e di qualità

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Notizie, Nuove tecnologie, Veicoli a guida autonoma, Auto intelligenti