I dati dei nostri pc sono a rischio, c’è una nuova vulnerabilità nelle CPU

Altra tegola per i nostri dati sui dispositivi, la nuova insidia per le CPU spaventa molti, ecco il bug Speculative Store Bypass.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Altra tegola per i nostri dati sui dispositivi, la nuova insidia per le CPU spaventa molti, ecco il bug Speculative Store Bypass.

Nell’anno di Meltdown e Spectre, ecco che spunta un’altra bella tegola per i nostro personal computer. Una nuova vulnerabilità è stata riscontrata nelle CPU dei PC a marchio Intel, AMD e ARM. Stavolta il nome dato a questo tipo di bug è Speculative Store Bypass (variant 4), per certi versi meno pericolosa di Spectre, ma gli esperti fanno sapere che sostanzialmente è molto simile, poiché mette a rischio i dati presenti sul vostro pc e naturalmente ne limita le prestazioni.

Vulnerabilità nelle CPU, ancora dati a rischio

E che cosa fa questo Speculative Store Bypass? Molto semplice, rende la vostra CPU vulnerabile e durante questa fase critica un malintenzionato può dall’esterno insinuarsi tranquillamente nel vostro sistema e fare scempio dei vostri dati. Alla meno peggio il pc subisce delle forti limitazioni nelle prestazioni. Naturalmente le big chiamate in causa, le grandi aziende succitate, non se ne stanno con le mani in mano. Sia Intel che altri produttori hanno già iniziato a lavorare sulle patch per risolvere il problema.

Potrebbe interessarti anche: Facebook down, il social non funziona, segnalazioni in tutta Italia

Le nuove patch saranno responsabili di un forte calo di prestazioni da parte dei vostri pc, è infatti a questo che è dovuto il problema delle limitazioni, ma si tratta di uno scotto da pagare necessario se si vuole che il proprio dispositivo torni ad essere protetto ed efficiente, eliminando la vulnerabilità del suo CPU. Ad ogni modo, le patch saranno meno limitanti in termini di prestazioni rispetto a quelle introdotte per risolvere i problemi causati da Spectre e Melrdown.

Ad ogni modo, a voi la scelta, infatti la protezione contro Speculative Store Bypass sarà disabilitata di default con le nuove patch, quindi saranno gli stessi utenti a dover decidere se attivarla e perdere una certa percentuale di prestazioni, oppure continuare ad usare il sistema senza protezione per tale minaccia. Tale approccio ci fa capire che sostanzialmente la minaccia è meno grave del previsto, difficilmente avrebbero lasciato questa scelta se così non fosse e avrebbero impostato le patch diversamente. E’ comunque bene non prendere sottogamba la problematica, soprattutto se sul vostro dispositivo avete dati che volete assolutamente tenere protetti e sicuri. Del resto, almeno per quanto riguarda Intel, il calo di prestazioni sembra ragionevole, tra il 2 e l’8%.

Potrebbe interessarti anche: WhatsApp spaventa gli utenti, se arriva questo messaggio cancellatelo subito

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Notizie