I 25 anni di Game Boy: successo Nintendo di altri tempi (e altri giochi)

Il 21 aprile 1989 fece la sua comparsa nel mercato nipponico il Game Boy: qualche anno più tardi, la console portatile Nintendo andò alla conquista del mondo. Buon compleanno, Game Boy!

di Daniele Sforza, pubblicato il
Il 21 aprile 1989 fece la sua comparsa nel mercato nipponico il Game Boy: qualche anno più tardi, la console portatile Nintendo andò alla conquista del mondo. Buon compleanno, Game Boy!

A rivedere adesso il Game Boy, con quella grafica retrò e priva di colori, quei pulsanti tradizionali che oggi ci risultano decisamente semplici (ma allora capire certi meccanismi su certi giochi poteva essere difficile) e rivedere l’interno universo Nintendo compresso su uno schermo piccolo e avaro di particolari, viene un po’ di nostalgia. Abituati oggi a tutt’altro tipo di console, sembra passato davvero poco tempo quando ci divertivamo a smanettare questa console portatile che il 21 aprile 1989 sbarcò in Giappone. 25 anni dalla sua prima uscita nel Paese nipponico, prima di sbarcare in Europa e ottenere il successo che ha avuto anche con le numerose versioni realizzate da Nintendo (Advance soprattutto, con i suoi 81 milioni di copie, comunque meno dei 118 milioni del Game Boy classico). 

 

LEGGI ANCHE

Bio Gamepad: come i videogiochi del futuro cambieranno in base alle nostre emozioni

I migliori videogiochi in uscita ad aprile 2014: da Daylight a Kinect Sport Rivals

 

All’inizio fu Game Boy…

Una sola parola: portatile. Così com’era l’Atari Lynx, uno dei concorrenti più agguerriti del Game Boy. Portatile come un giorno furono gli smartphone e i tablet. Ecco, giocare al Game Boy equivale oggi a giocare su uno smartphone, con la differenza che quest’ultimo ha uno schermo molto più grande e i giochi sono a colori. Ma il Game Boy ha aperto una via, ha creato un pubblico, ha rifondato un universo e posto le basi. 

 

Quando giocavamo su un display da 2,9 pollici

Giocavamo con una console dalle specifiche davvero risicate se pensiamo a quelle di oggi: display LCD da 2,9 pollici con risoluzione 160×144 pixel, processore Sharp LR35902 a 8 bit da 4,19 MHz, 8 KB di RAM, e 4 batterie di tipo AA, che dovevamo usare con molta parsimonia per non restare a secco dopo 2 giorni. 

 

Un mondo di giochi

25 anni di Game Boy significa anche ricordare quando Tetris era un titolo di punta, quando i platform game erano i giochi d’avventura e d’azione, quando ripescare sul Game Boy uno di quei giochi con cui ci divertivamo nelle sale giochi era un’emozione. 25 anni di Game Boy, moltissimi giochi da ricordare. Per celebrarlo ulteriormente abbiamo scelto un video che ne ripercorre 100 in 10 minuti. Per questo ringraziamo il youtuber ChaosMaster7.

Buona visione!

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Console