Huawei vs USA, ora Google si schiera col Presidente, niente aggiornamenti Android?

Si complicano i rapporti tra Google e Huawei, Big G rilascia comunicato che tranquillizza poco i possessori di smartphone dell'azienda cinese.

di , pubblicato il
Si complicano i rapporti tra Google e Huawei, Big G rilascia comunicato che tranquillizza poco i possessori di smartphone dell'azienda cinese.

Sulla diatriba USA e Huawei, il caos regna sovrano. Dopo la richiesta formulata dal governo Trump di sospendere ogni cooperazione con l’azienda cinese, anche Google non ha potuto esimersi dallo scendere in campo, e naturalmente ottemperare alle richieste del Presidente. Ma ora cosa succede?

Huawei vs Google

Da Stati Uniti contro Cina (e quindi nel caso specifico Huawei) si è finiti inevitabilmente a uno scontro tra Google e Huawei.

Big Gi quindi scende direttamente in pista e lo fa con un comuncato che il colosso di Mountain View posta direttamente dalla sua pagina Android. Da questa si legge: For Huawei users’ questions regarding our steps to comply w/ the recent US government actions: We assure you while we are complying with all US gov’t requirements, services like Google Play & security from Google Play Protect will keep functioning on your existing Huawei device.

Che tradotto significa in parole povere che, comunque, pur rispettando naturalmente tutte le richieste del Governo, servizi già esistenti come Google Play e Protect continueranno a funzionare normalmente sui dispositivi Huawei attualmente in commercio. Per estensione le dichiarazioni sono interpretabili quindi come un normale funzionamento per i servizi offerti da Big G in generale sui suddetti dispositivi, almeno per quanto riguarda l’attuale sistema operativo, ovvero Android 9 Pie.

Ma cosa succederà con Android Q? Sappiamo che proprio di recente anche Huawei ha aggiunto alcuni sui modelli alla versione beta 3, ma questo a quanto pare non significa che le stesse app di proprietà di Google funzioneranno correttamente sui futuri dispositivi Huawei o su quelli che ne effettueranno l’aggiornamento. Ricordiamo, inoltre, che dal browser sarà sempre comunque possibile raggiungere molte piattforme, come per esempio Google Maps o lo stesso Youtube, ma sicuramente sarebbe meno agevole navigare via browser rispetto alla comoda app qualora davvero Huawei dovesse perderle. Insomma, per ora le cose sembrano ancora poco chiare, di sicuro la tensione tra USA e Huawei poterà a qualche novità sostanziale.

Potrebbe interessarti anche Android Q 10 in versione beta è disponibile per questi smartphone

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.