Huawei è accerchiata, ma si dà da fare, nuovo OS già in autunno

Huawei prepara il nuovo sistema operativo, forse sarà già pronto per l'autunno.

di , pubblicato il
Huawei prepara il nuovo sistema operativo, forse sarà già pronto per l'autunno.

Non se ne sta certamente a guardare il colosso cinese Huawei, dopo la guerra scatenata dagli USA e passata poi ai fatti con la conferma di Google e l’addio imminente ad Android, alla fine l’azienda cinese è corsa subito al riparo, si lavora per un OS tutto suo.

Huawei con sistema operativo di proprietà

Era inevitabile, altrimenti poteva solo chiudere, alla fine Huawei senza perderci troppo tempo ha deciso di passare subito ai fatti, secondo le indiscrezioni infatti gli sviluppatori sono già al lavoro per il nuovo sistema operativo di proprietà, e secondo i più ottimisti dovrebbe addirittura essere pronto già per l’autunno. Più o meno proprio per far coincidere il grande salto.

Sappiamo infatti che i grossi problemi arriveranno quando Google renderà ufficiale Android Q, il sistema operativo attuale infatti, Pie 9, non sembra destinato a dare problemi seri al colosso cinese, ma il passaggio autunnale al nuovo OS si eccome. Ecco che allora sembra davvero in perfetto tempo l’arrivo di un nuovo OS di proprietà per quel periodo. I più pesimisti comunque guardano alla primavera del 2020 per il lancio, staremo a vedere.

In ogni modo, Huawei dovrà fare i conti anche con le forniture hi tech che gli verranno tolte, non ultima anche la decisione da parte di Panasonic di non vendere più i suoi prodotti all’azienda cinese dopo la decisione di Google (anche se pare ci sia stata poi una smentita). Insomma, Huawei accerchiato da tutte le parti, per uscirne deve però giustamente pensare a un problema alla volta, prima l’OS poi sarà necessario risolvere anche quello delle forniture per i nuovi smartphone. Tale situazione però non potrà che creare un periodo, forse anche abbastanza lungo, di inevitabili problemi di produzione.

Potrebbe interessarti anche Caso Google vs Huawei, arrivano le prime reazioni anche in Italia

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.