Guide Locali su Google Maps: schiaffo a TripAdvisor

Google Maps sfida TripAdvisor lanciando il nuovo servizio Guide Locali, dove la community recensisce e suggerisce luoghi contribuendo a migliorare e a completare il servizio. Previsti premi per i contributors più frequenti.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Google Maps sfida TripAdvisor lanciando il nuovo servizio Guide Locali, dove la community recensisce e suggerisce luoghi contribuendo a migliorare e a completare il servizio. Previsti premi per i contributors più frequenti.

Ci sono funzionalità che possiamo utilizzare e sfruttare solo tramite determinati servizi, ma che tuttavia vorremmo impiegare tramite le app che utilizziamo quotidianamente e che ci aiutano a orientarci: Google Maps sfida nientemeno che TripAdvisor implementando proprio una delle funzioni sopraccitate, vale a dire Guide Locali, un servizio che verrà alimentato e gestito da una community di esperti, i quali potranno recensire posti, luoghi e locali sul territorio, aiutando i fruitori di Maps, da poco disponibile anche offline per Android e iOS, a trovare le informazioni giuste – per lo più recensioni, suggerimenti e foto – su un determinato posto. Per incentivare le pubblicazioni su Guide Locali, Big G ha voluto anche instaurare una sorta di premi e incentivi per chi collabora di più, ovvero peri membri più assidui della nuova community, incensandoli con premi a ogni nuovi livello raggiunto.  

Come funziona Guide Locali

Insomma, Google Maps si completa grazie a una funzione che finora abbiamo utilizzato quasi esclusivamente su TripAdvisor. Come funziona? E’ molto semplice: l’utente deve effettuare la registrazione, dopodiché può cominciare a contribuire a migliorare le informazioni su un luogo specifico di Google Maps, al fine di rendere tale servizio il più completo e funzionale possibile. Più contribuirà a migliorare Maps con le sue recensioni e suggerimenti, più l’utente avrà la possibilità di aumentare di livello e quindi essere premiato con diversi benefici e vantaggi, ovviamente sempre legati ai servizi di Google.  

5 livelli di vantaggi

In tutto vi sono ben 5 livelli di vantaggi: il primo, per i contributors più pigri, consiste nel ricevere una newsletter mensile legata al servizio Guide Locali, oltre che, ma non in tutti i Paesi, avere la possibilità di partecipare a concorsi esclusivi. Il secondo livello, raggiungibile dopo aver ottenuto 5 punti – un contributo è uguale a 1 punto – consiste nel venire a sapere di nuovi prodotti e funzioni Google prima degli altri e nella possibilità di promuovere i propri meetup sempre tramite il servizio Guide Locali.   Dopo 50 contributi, si sale al Livello 3: i premi per chi raggiunge questo gradino consistono in un badge delle Guide Locali su Google Maps, nella possibilità di entrare in contatto con le altre Guide Locali più influenti della community e anche nella prospettiva di ricevere inviti esclusivi da Google in diverse città e nel moderare alcuni canali della community relativa al servizio. Con il Livello 4, raggiungibile dopo i 200 contributi, i premi cominciano a diventare seri: i contributors che raggiungono questo livello hanno infatti la possibilità di aumentare gratuitamente il proprio spazio di archiviazione su Google Drive, oltre a poter ricevere ogni anno un regalo da Mountain View. L’ultimo Livello è il 5, raggiungibile dopo 500 contributi, che permette agli utenti di cominciare a lavorare in qualità di Google Insider, testando quindi i prodotti prima che vengano commercializzati per un pubblico più ampio, oltre alla possibilità di partecipare al summit delle Guide Locali che hanno raggiunto il medesimo livello.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove tecnologie

Leave a Reply