Google Play e la sicurezza dei dati, nuova funzione annunciata da Big G

Novità importante per i possessori di smartphone Android. Google Play lancia la funzione per sicurezza dei dati.

di , pubblicato il
app android

Eccola la nuova funzione di Google Play che in molti stavano attendendo, si tratta di un’opzione denominata Sicurezza dei Dati, e darà la possibilità a tutti gli utenti di informarsi su che fine fanno i propri dati una volta che li hanno affidati a qualche app appena scaricata.

Google Play e i dati sensibili

Già da ieri 26 aprile la funzione è disponibile sul Play Store e offre quindi tutte le informazioni in merito a come i dati sensibili degli utenti vengono raccolti, condivisi e protetti dalle app presenti nello store. Gli sviluppatori dovranno comunque completare lo sviluppo della sezione entro il 20 luglio. Si tratta di una azione doverosa in quanto la privacy è un elemento sempre più preponderante sul web e offre un contributo decisivo al fine di permettere agli internauti di navigare sicuri. Inoltre, scaricare app sul proprio smartphone significa in effetti affidarsi a qualcuno che ha in teoria la possibilità di sbirciare tra le proprie cose, come galleria fotografica, numeri di telefono e altro ancora.

È ovvio quindi che a volte gli utenti possono avere non poca soggezione ad effettuare un download, soprattutto se l’app necessita di tanti consensi per essere poi funzionante nel lavoro che deve svolgere sul nostro smartphone. Ecco il comunicato rilasciato da Mountain View: “Sentendo il parere di utenti e sviluppatori, abbiamo capito che mostrare quali dati raccoglie un’app, senza contesto aggiuntivo, non è sufficiente. Le persone vogliono sapere a quale scopo vengono raccolti”.

Google Play, la nota e i dati

Ecco come prosegue la nota: “Ci siamo anche impegnati per offrire a tutti il controllo delle app installate tramite funzionalità di autorizzazione di semplice utilizzo. Ad esempio, se un app richiede l’accesso alla posizione, le persone possono decidere rapidamente e con facilità se concedere l’autorizzazione una sola volta, solo quando l’app è in uso o sempre”. Ma cosa sapremo precisamente nella sezione Sicurezza dei Dati? Ecco tutte le info:

Se lo sviluppatore raccoglie i dati e per quale scopo.


Se lo sviluppatore condivide i dati con terze parti.
Le pratiche di sicurezza dell’app, ad esempio la crittografia dei dati in transito e la possibilità per gli utenti di chiedere l’eliminazione dei dati.
Se un’app idonea si è impegnata a rispettare le Norme per le famiglie di Google Play al fine di proteggere bambini e ragazzi che usano il Play Store.
Se lo sviluppatore ha convalidato le pratiche di sicurezza rispetto a uno standard di sicurezza globale (nello specifico, il MASVS).

Potrebbe interessarti anche Smartphone in offerta su Amazon, ecco alcuni device a meno di 100 euro

Argomenti: