Google, nuovo algoritmo: come sapere se il tuo sito è mobile friendly

Il nuovo algoritmo di Google penalizzerà tutti quei siti che non sono mobile friendly e premierà tutti quei siti che risultano compatibili con i dispositivi mobile: ecco come sapere se il vostro sito è mobile friendly oppure no.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Il nuovo algoritmo di Google penalizzerà tutti quei siti che non sono mobile friendly e premierà tutti quei siti che risultano compatibili con i dispositivi mobile: ecco come sapere se il vostro sito è mobile friendly oppure no.

Il 21 aprile è la data di nascita di Roma, ma in un futuro distopico probabilmente sarà ricordata anche come la data del Mobilegeddon: così lo chiamano gli esperti SEO. Ma cos’è il Mobilegeddon? E’ il giorno del cambiamento, il nuovo algoritmo di Google, per la prima volta annunciato ufficialmente dai tipi di Mountain View, che penalizzerà tutti quei siti che non sono mobile friendly, ottimizzerà le ricerche su Google tramite dispositivo mobile e probabilmente avrà effetti anche per la versione desktop. Ciò significa che tutti quei siti che sono “amici del mobile” avanzeranno di posizione sul motore di ricerca a danno di quelli che su smartphone e tablet non si leggono bene e che quindi saranno declassati.   Eppure c’è anche un modo per sapere se il vostro sito è mobile friendly, fa parte della prima categoria oppure no. Sarà sufficiente recarsi su una pagina messa a disposizione di Google, un tool che corrisponde alla URL https://www.google.com/webmasters/tools/mobile-friendly/ nel quale non dovrete fare altro che inserire l’URL completa del vostro sito web per avviare il test di compatibilità con i dispositivi mobili. Una volta cliccato su analizza, il tool monitorerà il sito e vi indicherà se il vostro sito è mobile friendly oppure no. Nel primo caso vi mostrerà anche un’immagine di come gli utenti mobile vedono il vostro sito su smartphone; nel secondo caso vi dirà quali sono gli errori che dovreste subito correggere.   Nel caso di Governo.it, ad esempio, il tool informa che il testo è troppo piccolo da leggere, i link sono troppo vicini l’uno all’altro e l’area visibile su dispositivi mobile non è stata impostata. Neppure il sito ufficiale del turismo in Italia, ovvero Italia.it, è mobile friendly: link troppo vicini l’uno all’altro e contenuti più grandi rispetto allo schermo. E così non sono mobile friendly neppure tante istituzioni ed enti (non solo italiani a dire il vero) governativi e locali.   Se siete un’azienda e il vostro sito non risulta mobile friendly agli occhi di Google, il consiglio è quello di mettervi subito ai ripari, perché molto presto potreste ricevere un brusco calo di visite. Per quanto riguarda l’impatto del nuovo algoritmo sulla versione desktop, ci sono voci discordanti, ma alcuni esperti affermano che ci saranno conseguenze anche sulle normali ricerche da computer.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: novità Google