Google lancia oggi l’addblocker ufficiale, ecco come Chrome filtra la pubblicità

E' il giorno del nuovo adblocker di Chrome, oggi Google lancia ufficialmente il plug in che blocca le pubblicità più aggressive e fastidiose.

di , pubblicato il
E' il giorno del nuovo adblocker di Chrome, oggi Google lancia ufficialmente il plug in che blocca le pubblicità più aggressive e fastidiose.

Ne avevamo già parlato alcuni mesi fa, Google si stava muovendo con grande decisione contro la pubblicità aggressiva del web, Big G ha lavorato bene ed ha messo finalmente in pratica i suoi sforzi, ora sul suo browser Chrome appare l’adblocker ufficiale che combatte le pubblicità non in regola con gli standard della Coalition for Better Ads.

Google Chrome, basta pubblicità fastidiose

Da oggi si riparte, lanciato ufficialmente il nuovo plug in contro la pubblicità esagerata che ci appare sulle pagine del web. I precedenti plug in facevano di tutta l’erba un fascio, ovvero eliminavano totalmente le pubblicità delle pagine che andavamo a navigare, ma così facendo penalizzavamo non solo la pagina stessa, ma anche Google che in tal guisa si trovava un cliente scontento e potenzialmente a rischio di fallire e quindi di fruttargli denaro. Lungimirante e logica quindi la scelta di Google di prendere in mano la situazione e controllare chi esagerava con gli spot, così da evitare questo uso indiscriminato degli Adblock così da scongiurare la totale tabula rasa.

Leggi anche: Diritti tv Serie A ora finiscono in Cina, ma Sky tranquillizza i suoi abbonati

La speranza di Google quindi è che ora i naviganti possano passare al filtraggio leggero della pubblicità, abbandonando gli adblocker open source, per scaricare la sua estensione ufficiale così da navigare sul browser Chrome in serenità e sicurezza. Ecco infatti le parole di un portavoce di Big G a riguardo: “Il nostro obiettivo non è quello di bloccare le pubblicità; vogliamo invece migliorare l’esperienza d’uso per tutti gli utenti Web. A febbraio il 12,42% dei siti che non rispettavano i Better Ads Standards hanno risolto le proprie criticità e ora passano il nostro controllo. È il risultato che speravamo di ottenere, cioè aiutare i siti a risolvere in maniera autonoma le esperienze pubblicitarie più invasive, a beneficio di tutti gli utenti Web”. 

Adblocker Google Chrome, cosa blocca?

La domanda che ora molti si fanno è, cosa filtra tale Adblocker, visto che vaglia quali sono le pubblicità che dobbiamo vedere e quali no? Per quanto riguarda la versione desktop, il plug in elimina i pop-up, gli annunci con il conto alla rovescia che coprono i contenuti, i video che partono in automatico, i banner giganti impossibili da chiudere.

Su smartphone inoltre saranno penalizzati i siti con annunci a tutta pagina.

Leggi anche: “Smartphone Huawei e ZTE, non comprateli”, l’allarme arriva dagli USA

Argomenti: ,