Google doodle per Vicente Huidobro, aforismi più belli del poeta

Le frasi più belle e tutte le opere del poeta cileno celebrato oggi da Google.

di , pubblicato il
Le frasi più belle e tutte le opere del poeta cileno celebrato oggi da Google.

Chi era Vicente Huidobro, e perché Google celebra oggi tale personaggio con il doodle del motore di ricerca? Scopriamolo insieme.

Google celebra Vicente Huidobro

Oggi, venerdì 10 gennaio, Google celebra la nascita di Vicente Huidobro, un poeta cileno nato appunto in questo giorno 127 anni fa, ovvero nel 1893 a Santiago del Cile, e morto il 2 gennaio del 1948.

Fautore del creazionismo, una corrente poetica che mette alla base delle sue opere il poeta stesso e la sua grande capacità di creare nuovi mondi attraverso le parole.

Secondo il creazionismo, infatti, il l’opera d’arte diventa una nuova realtà cosmica aggiunta dal poeta creatore alla natura. Ecco di seguito l’elenco delle sue opere:

Ecos del alma, Santiago de Chile, Imprenta Chile, 1911
La gruta del silencio, Santiago de Chile, Imprenta Universitaria, 1913.
Canciones en la noche, Santiago de Chile, Imprenta Chile, 1913
Pasando y pasando, Santiago de Chile, Imprenta Chile, 1914
Las pagodas ocultas, Santiago de Chile, Imprenta Universitaria, 1914
Adán, Santiago de Chile, Imprenta Universitaria, 1916
El espejo de agua, Buenos Aires, Orión, 1916.
Horizon carré, Paris, Paul Birault, 1917.
Poemas árticos, Madrid, Pueyo, 1918.
Ecuatorial, Madrid, Pueyo, 1918
Tour Eiffel, Madrid, s. i. e., 1918 (in francese)
Hallali, Madrid, Jesús López, 1918 (in francese)
Saisons choisies, Paris, La Cible, 1921
Finis Britannia, Paris, Fiat Lux, 1923
Tout à Coup, Paris, Au Sans Pareil, 1925
Automme régulier, Paris, Librairie de France, 1925
Manifestes, Paris, Revue Mondiale, 1925
Vientos contrarios, Santiago de Chile, Nascimento, 1926
Mío Cid Campeador, Madrid, Compañía Iberoamericana de Publicaciones, 1929
Temblor de cielo, Madrid, Plutarco, 1931
Altazor o el viaje en paracaídas, Madrid, Compañía Iberoamericana de Publicaciones, 1931
Tremblement de Ciel, Paris, l’As de Coeur, 1932
Gilles de Raíz, Paris, Totem, 1932
La Próxima, Santiago de Chile, Walton, 1934
Papá o el diario de Alicia Mir, Santiago de Chile, Walton, 1934
Cagliostro, Santiago de Chile, Zig-Zag, 1934
En la luna, Santiago de Chile, Ercilla, 1934
Tres novelas ejemplares, Santiago de Chile, Zig-Zag, 1935 (con Hans Arp)
Sátiro o el poder de las palabras, Santiago de Chile, Zig-Zag, 1939
Ver y palpar, Santiago de Chile, Ercilla, 1941
El ciudadano del olvido, Santiago de Chile, Ercilla, 1941.


Últimos poemas, Santiago de Chile, Ahués Hermanos, 1948
Obras completas, 2 voll., Santiago de Chile, Zig-Zag, 1964
Obras completas, 2 voll., Santiago de Chile, Andrés Bello, 1976

Un compendio della sua opera letteraria tradotta in italiano si trova nell’antologia Viaggi siderali. Antologia poetica, Milano 1995. Chiudiamo infine con alcuni aforismi del poeta:

Ho sentito un suono di catene che si rompono. È nato un uomo.

Io sono un po’ luna, e un po’ commesso viaggiatore. La mia specialità è di trovare quelle ore che hanno perso il loro orologio.

Il suo epitaffio recita:

Qui giace il poeta Vicente  Aprite la tomba  Nel fondo di questa tomba si vede il mare

Argomenti: