Google doodle dedicato alla prima ferrovia italiana, Napoli – Portici

Ferrovia Napoli Portici, il Google Doodle di oggi celebra la prima linea ferroviaria italiana della storia.

di , pubblicato il
Ferrovia Napoli Portici, il Google Doodle di oggi celebra la prima linea ferroviaria italiana della storia.

Il Doodle di Google di oggi è dedicato alla prima ferrovia italiana della storia, ovvero Napoli – Portici. Si tratta di una data storica, era il 3 ottobre del 1839, ben 180 anni fa. Anche la tecnologia omaggia un evento di tale portata, del resto il progresso tecnologico deve molto anche a questi piccoli grandi avvenimento sparsi nel mondo della storia.

Google doodle, Napoli Portici

Era il 1936 quando venne firmato il decreto per dare il via libera alla costruzione della ferrovia. Napoli era il cuore del Regno delle due Sicilie, Garibaldi con la sua unità sarebbe arrivato più tardi. Anche Milano era in corsa per inaugurare la prima ferrovia italiana, ma lo strapotere dell’allora capitale del sud si dimostrò inarrestabile e i napoletani vinsero la simbolica sfida con i milanesi del nord.

Le conseguenze di tale evento, oltre che storiche, sono anche naturalmente economiche. Dopo pochi anni, nel 41, venne creato a Pietrarsa un importante stabilimento per la produzione ferroviaria. Oggi tale fabbrica è diventata un museo, sicuramente una delle più affascinanti attrazioni di Napoli e senza dubbio tra i più importanti luoghi di Portici, sia per storia che per bellezza.

La prima ferrovia italiana è stata commemorata diverse volte nella storia, anche le Poste italiane hanno voluto ricordare prima il 100º anniversario dell’avvenimento nel 1939 con una serie di 3 valori (20 e 50 cent., 1,25 lire) ed in seguito il 150º anniversario dell’avvenimento, nel 1989 con l’emissione di due francobolli commemorativi, entrambi da 550 lire. In origine, proprio alla sua creazione, era a doppio binario e aveva la lunghezza di 7,25 chilometri.

Potrebbe interessarti anche PlayStation Now abbassa i prezzi e aggiunge nuovi grandi giochi al catalogo

Argomenti: