Google crolla per quasi un’ora e il mondo trattiene il fiato, cosa è accaduto realmente?

I motivi del down di Google inquietano il mondo, intanto c'è chi chiede i danni.

di , pubblicato il
I motivi del down di Google inquietano il mondo, intanto c'è chi chiede i danni.

Quella di ieri è stata una giornata davvero particolare per Google, con un down planetario che ne ha oscurato i servizi per quasi un’ora. Si era temuto addirittura un attacco hacker, ma la realtà dei fatti ce l’ha svelata lo stesso Big G con un comunicato ufficiale.

Google down, cosa è successo?

Tutto oscurato, i servizi che hanno smesso di funzionare ieri sono stati YouTube, Gmail, Google Docs, Google Calendar, Google Home, Nest, Google Classroom, il malfunzionamento è stato segnalato alle 12:55, e molte classi in Italia hanno fatto giusto in tempo a terminare la lezione di Didattica a Distanza prima di trovarsi al buio. Secondo il comunicato di Google il tutto è stato ripristinato alle 13:52, ben 57 minuti di buio.

Naturalmente, stop anche ai dispositivi intelligenti di Google Home che, in quell’oretta, hanno spesso di funzionare. Ma cosa è successo di preciso? Il colosso di Mountain View in serata ha dichiarato: “Google ha riscontrato un’interruzione del sistema di autenticazione per circa 45 minuti a causa di un problema di quota di archiviazione interna”. Questo dunque il problema del down, un semplice guasto, un problema di archiviazione.

La nota definitiva è arrivata poi nel pomeriggio: “Oggi, alle 3.47 AM PT  (12:47 italiane) Google ha riscontrato un’interruzione del sistema di autenticazione per circa 45 minuti a causa di un problema di quota di archiviazione interna. Il problema è stato risolto alle 4:32 AM PT (13:32 italiane) e tutti i servizi sono ora ripristinati”. C’è però chi pensa che il guasto sia stato invece da un sistema di difesa che Big G sta sperimentando proprio per difendersi da eventuali attacchi hacker.

Insomma, la paura che malintenzionati, a livello di spionaggio informatico, possano insidiare i server Google, c’è eccome.

Sta di fatto che il disagio causato dal disservizio ha provocato non pochi danni, pensiamo ad esempio alle aziende che lavorano con i cloud di Big G, o gli altri servizi offerti dal colosso statunitense, e che ora minacciano addirittura una class action. Insomma, uno scenario che ci svela sempre più quanto questo 2020 stia mettendo in crisi tutta la struttura del nostro sistema.

Potrebbe interessarti anche App IO ancora nella bufera, c’è chi sostiene che viola la privacy degli italiani

Argomenti: ,