Antitrust frena Google, spazio anche ad altri motori di ricerca

Non solo Google come motore di ricerca definito su Android, ecco la novità.

di , pubblicato il
Google

L’Antitrust ha messo ufficialmente un freno a Google, il motore di ricerca non sarà più quello predefinito sugli smartphone Android, almeno per quanto riguarda l’Europa.

Google frena, spazio anche ad altri motori

Il dominio assoluto di Google potrebbe ora subire una modifica che potrebbe portare nel giro di qualche tempo più o meno lungo alla ribalta di altri motori di ricerca. Dopo due anni dalla sentenza dell’Antitrust che sanciva una multa di 4,24 miliardi di euro a Google, ora Big G scende a patti col nemico e accetta di inserire nel sistema Android anche altri motori nella funzione predefinita. Lo spazio è stato acquistato dai competitor più facoltosi, saranno in quattro, oltre a sua maestà Google, portando quindi a 5 il numero die motori di ricerca da scegliere per la navigazione mobile in Europa. Inoltre, in “riserva” ci saranno altri 7 motori da selezionare nel caso nessuno dei 5 soddisfasse le esigenze dell’utente.

Il direttore di Google, Oliver Bethell, ha dichiarato: “Stiamo approntando le modifiche finali al Choice screen per rendere gratuita la partecipazione degli altri browser e aumentare il numero dei motori di ricerca presenti”. Così si chiamerà infatti la nuova schermata che farà da vetrina ai motori di ricerca nella versione Android predefinita per l’Europa, appunto Choise Screen. I cambiamenti, disponibili su smartphone e tablet, saranno disponibili a partire da settembre. Tutte le info dettagliate sono rese pubbliche dal comunicato ufficiale Android.

Choose Screen di Google, come funziona?

Da settembre su smartphone e tablet Android avremo una nuova schermata predefinita sul browser; insieme a Google campeggeranno anche altri 4 motori di ricerca, mentre più in basso ce ne saranno altri 7.

Starà quindi poi all’utente scegliere quale preferisce per navigare in internet. Secondo la Commissione Europea si tratta di una buona soluzione per offrire appunto agli altri competitor di gareggiare in maniera più equilibrata con Big G. L’elenco dei motori nella schermata sarà riformulato annualmente.

Potrebbe interessarti anche Amazon Prime Day, ecco come ricevere i buoni sconto

Argomenti: ,