Galaxy Tab Iris: caratteristiche del tablet Samsung con scanner biometrico

Samsung ha ufficializzato il suo nuovo Galaxy Tab Iris, primo tablet al mondo con scanner biometrico dell'iride, un sistema che diventerà ben presto uno standard per modelli premium e non solo.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Samsung ha ufficializzato il suo nuovo Galaxy Tab Iris, primo tablet al mondo con scanner biometrico dell'iride, un sistema che diventerà ben presto uno standard per modelli premium e non solo.

Il settore dei tablet aspetta il suo modello più competitivo e innovativo, in grado di generare un salto evolutivo al mercato e Samsung ha provato a dare una scossa, annunciando ufficialmente il suo nuovo device, Galaxy Tab Iris: trattasi del primo tablet Samsung dotato di scanner biometrico finalizzato alla scansione dell’iride, un sistema che prenderà sempre più piede negli anni a venire sostituendo il tradizionale sistema delle password. Galaxy Tab Iris si avvarrà inoltre del classico – ormai si può definire così – sensore di impronte digitali finalizzato allo sblocco del dispositivo, ma a far parlare di sé è certamente la novità dello scanner biometrico, che si presenta per la prima volta al mondo proprio su questo interessante tablet Samsung che, nonostante sia un modello low cost e di certo non dotato di caratteristiche premium, punta tutto sull’innovazione della sua componente più attesa.

 

[tweet_box design=”box_09″ float=”none”]#Samsung presenta #GalaxyTabIris: il primo tablet con lo scanner biometrico[/tweet_box]

 

Samsung Galaxy Tab Iris: specifiche tecniche

Il nuovo Galaxy Tab Iris presentato recentemente da Samsung non verrà dunque certo ricordato per una scheda tecnica da dispositivo a basso costo, ma per l’innovativo sistema di scanner biometrico dell’iride che di qui a pochi anni diventerà uno standard non solo per i dispositivi premium. Attraverso la scansione dell’iride si potrà sbloccare il dispositivo e accedere ad alcune funzionalità in maniera più rapida e diretta rispetto all’utilizzo del lettore di impronte digitali. Lo scanner sarà posizionato sulla parte posteriore del dispositivo e sarà in grado di scansionare l’occhio dell’utente, riconoscendone il disegno unico dell’iride.

Andando a guardare le caratteristiche tecniche di questo tablet, scopriamo che questo modello misura 193,4 millimetri di altezza, 116,4 millimetri di larghezza e 9,7 millimetri di spessore, per un peso complessivo di 327 grammi. A bordo troviamo invece un display da 7 pollici con risoluzione 1024×640 pixel, 1,5 GB di RAM coadiuvato da 8 GB di memoria interna espandibili tramite microSD fino a 200 GB, mentre il comparto fotografico si avvale di una sola fotocamera principale da 5 megapixel. Il sistema operativo corrisponde ad Android 5.0 Lollipop, mentre il comparto connettività risulta discreto, visto che si arricchisce di Bluetooth, GPS e WiFi. La batteria infine vanta una capacità di 3500 mAh, assicurando un’autonomia discreta.

Come potete vedere Galaxy Tab Iris non è stato pensato per soddisfare le richieste più esigenti, bensì per fare breccia nel cuore di un target specifico, quello indiano, che farà anche da test di validità del nuovo sensore biometrico, che rappresenta di sicuro la novità più interessante del dispositivo: il nuovo sistema consentirà non solo di sbloccare il device, ma di essere praticato anche in altri settori, come ad esempio l’home banking, l’assistenza sanitaria e l’educazione, appoggiato dagli enti locali.

Galaxy Tab Iris dovrebbe quindi uscire solo in India, ma sarà certamente il prototipo sperimentale ai vari modelli che seguiranno e che usciranno dunque anche dalle nostre parti. Abituatevi quindi a sentir parlare di sensore biometrico, perché sarà il futuro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove tecnologie, Tablet, Tablet Samsung