FIFA 18, polemica sulla morte di Astori: i gamers di FUT lucrano sulla morte del giocatore

Il cinismo della community di FUT scatena una grossa polemica intorno a FIFA 18, nessun rispetto per la morte di Astori tra i gamers.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Il cinismo della community di FUT scatena una grossa polemica intorno a FIFA 18, nessun rispetto per la morte di Astori tra i gamers.

Mentre l’Italia piange la morte di Astori, c’è chi ha lucrato senza indugi sulla sua scomparsa. La notizia dei crediti aumentati su FIFA 18, categoria FUT, ha fatto il giro del web scatenando l’indignazione del mondo social e in parte dividendo la stessa community di game player.

FIFA 18, la morte di Astori e i gamers cinici

La 27° giornata di Serie A si è fermata domenica scorsa per commemorare la scioccante scomparsa del capitano della Fiorentina. La morte di Astori però non ha fermato i più accaniti giocatori di FIFA 18, anzi i gamers della modalità Fifa Ultimate Team, meglio nota come FUT, hanno colto l’occasione per lucrare sulla sua prematura scomparsa e guadagnare molti crediti con la sua card. Una tirata di orecchie va fatta sicuramente anche alla stessa EA, colpevole di non aver immediatamente ritirato la card in questione (incapace di farlo o forse, secondo alcuni addirittura compiacente).

Potrebbe interessarti anche: Festa del papà, regali tech con le offerte Amazon da non perdere

In pratica, subito dopo la notizia della morte di Astori, molti cinici gamers di FUT hanno approfittato del macabro evento per venderlo al maggior prezzo possibile. Coloro che lo avevano in rosa infatti hanno aumentato i crediti (i coins virtuali) per guadagnare di più. La card di Astori aveva un overall di 81, con tale valore il suo prezzo in coins si aggirava intorno ai 650 crediti, arrivando anche ai 1100 in alcuni casi. Ebbene, dopo la sua morte, il valore di Astori è schizzato a 10000 crediti con il cinismo di coloro che lo avevano in rosa e ne hanno aumentato il prezzo.

Molti giocatori di FUT hanno infatti acquistato tante carte dedicate al giocatore al prezzo standard, per poi rivenderle ad un prezzo 10 volte maggiore, così da ottenere tantissimi coins. La denuncia è arrivata direttamente dal mondo social, su Twitter infatti tanti post che raccontavano l’immorale pratica. Commenti forti anche dagli stessi appassionati del gioco, ma c’è anche chi non si meraviglia più di tanto, poiché pare che la Community di FIFA 18 e in generale le comunità di gameplayer siano estremamente ciniche e disposte a tutto pur di ottenere i risultati di uno stupido videogioco.

Potrebbe interessarti anche: Galaxy S9, uscita vicinissima, ecco le offerte delle compagnie telefoniche

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Notizie