Facebook in stile Face ID, presto dovremo fare un selfie per accedere all’account

Rivoluzionaria introduzione per Facebook, già partiti i test per i selfie anti spam. Per accedere dovremo superare la prova del riconoscimento facciale.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Rivoluzionaria introduzione per Facebook, già partiti i test per i selfie anti spam. Per accedere dovremo superare la prova del riconoscimento facciale.

Interessante novità per il mondo social, ancora una volta introdotta dal colosso Facebook. Stavolta i vertici dell’azienda iniziano la lotta ai bot, programmi automatici che cercano di insidiarsi nei nostri account. Ora gli utenti dovranno dimostrare la propria identità con un selfie. Andiamo a scoprirne di più.

Facebook e il selfie anti bot

Un Face ID anche per Facebook. Il popolare sistema di riconoscimento facciale introdotto da Apple con il nuovo iPhone X è sbarcato anche sul social network in una variante sostanzialmente immutata. Facebook quindi sostituisce il vecchio sistema con uno nuovo decisamente più efficace e moderno. Arrivano anche sul social le tecnologie di riconoscimento dei volti per rimpiazzare il metodo classico dei “captcha“, ovvero la misura di sicurezza comune a tanti siti che chiede all’utente di inserire numeri o lettere per provare che si tratta di una persona e non di un computer che cerca di violare un account protetto da password.

Leggi anche: Facebook e IA a caccia di aspiranti suicidi con il nuovo algoritmo del social

Già da aprile sono iniziate le segnalazioni di utenti che asserivano di aver fatto una foto del proprio volto per poter accedere. Quindi in fase di test negli Usa la novità è stata introdotta già da diversi mesi. L’importanza di tale iniziativa è presto detta: il selfie anti spam aiuterebbe a intercettare eventuali attività sospette in diversi momenti dell’interazione con la piattaforma, ad esempio nel momento in cui si crea un account, quando si inviano richieste di amicizia, quando si impostano opzioni di pagamento o si creano annunci pubblicitari.

Facebook e Face ID, non mancano le polemiche

I complottisti però non perdono occasione per fare polemica, anche in questo caso non è mancato qualche commento piccato che accusa Facebook di voler creare ora un bel database di volti. Ci pare sostanzialmente un’affermazione davvero gratuita, visto che il social possiede già i volti di tutti gli utenti, grazie ovviamente alle foto profilo. Ed è proprio grazie al confronto tra le foto in suo possesso ed il nuovo selfie prodotto all’accesso, che l’algoritmo potrà riconoscere se si tratta di un impostore, un bot, oppure il reale proprietario dell’account.

Leggi anche: WhatsApp, la funzione messaggi vocali cambia, ma ancora una volta non tutti sono contenti

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: novità Facebook, Social Network