Facebook sta crollando, almeno in USA, i giovani americani lo abbandonano

Problemi per Facebook, le statistiche negli USA sono impietose, il re di tutti i social network sta perdendo il suo scettro.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Problemi per Facebook, le statistiche negli USA sono impietose, il re di tutti i social network sta perdendo il suo scettro.

Un dato davvero sorprendente quello che ci arriva dalle statistiche a stelle e strisce, il strapotere di Facebook è finito, anzi il social network sembra ormai sulla via del declino. Un’informazione alquanto clamorosa, almeno per noi del vecchio continente, dove la piattaforma di Zuckerberg continua a furoreggiare.

Facebook crolla in USA, la fine di un’epoca

Paese che vai, usanze che trovi. E’ proprio il caso di dirlo. Se da noi Facebook spadroneggia, rappresentando ancora l’apice dei social e mantenendo altissima la percentuale di utilizzo da parte dei giovani nell’arco di una sola giornata, negli Stati Uniti non è più così. A seguito dello scandalo Cambridge Analytica le cose sono totalmente cambiate. Le percentuali sono allarmanti, e vedono protagonisti principalmente i più giovani, che rappresentano una grossa fetta del mercato, quella tra l’altro più attiva sui social. I dati arrivano da Pew Research Center che ha intervistato 4.594 statunitensi maggiorenni tra il 29 maggio e l’11 giugno scorsi.

Potrebbe interessarti anche: DAZN, dove installare l’app su Smart Tv, tablet e consigli

Il 25% degli intervistati ha affermato di aver cancellato l’applicazione dal proprio device. Uno su due ha invece modificato le impostazioni della privacy. I numeri salgono ancora di più se si restringe la fascia d’eta tra i 19 e i 29 anni: in questo caso il 44% degli intervistati ha dichiarato di aver cancellato il proprio account e cancellato l’app dallo smartphone. Solo il 12% degli over 65 invece ha optato per questa soluzione drastica. I più attempati si dimostrano tra l’altro anche meno attenti alle nuove impostazioni, poiché la percentuale di coloro che le hanno cambiate risulta più bassa, solo il 33%, contro il 65% dei giovani.

Ad ogni modo, il calo di Facebook in USA non è una novità dell’ultima ora, lo scandalo sulla privacy che ha visto lo stesso Zuckerberg testimoniare davanti ad una commissione di indagine è stato probabilmente la mazzata risolutiva, ma la tendenza è in calo già da prima. Ormai una larga fetta di giovani sta migrando da tempo su Instagram, il social che continua a fare furore negli USA. Regge ancora il vecchio Twitter che, se Facebook dovesse definitivamente crollare, potrebbe tornare ancora più forte e performante che mai.

Potrebbe interessarti anche: Art Selfie di Google, i vostri autoscatti saranno un’opera d’arte grazie a Big G

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Facebook Messenger