Facebook a pagamento, arrivano le news in abbonamento anche in Italia

Abbonamenti Facebook anche in Italia per le Instant Articles. Arrivano le news a pagamento sul social network. Partito il test con Repubblica partner.

di , pubblicato il
Abbonamenti Facebook anche in Italia per le Instant Articles. Arrivano le news a pagamento sul social network. Partito il test con Repubblica partner.

Partiti i test per le news in abbonamento attraverso il social network Facebook. Il re dei social dunque incrementerà ulteriormente i propri guadagni stavolta affidandosi direttamente ai suoi utenti, e bypassando quindi le pubblicità. Vedremo se il progetto prenderà piede anche in Italia, dove già arrivano le prime partnership. Andiamo a scoprirne di più.

Facebook passa alle news a pagamento

Iniziano i test sul nuovo sistema di abbonamento alle notizie sia in America che in Europa.

Lo ha comunicato direttamente Facebook attraverso un comunicato ufficiale. Al momento, però, il test è indirizzato esclusivamente agli utenti che hanno un dispositivo Android. Prende il via, dunque, la fase operativa del nuovo progetto del social network che vede offrire la possibilità agli editori di proporre ai loro utenti un nuovo modello di articoli a pagamento sfruttando gli Instant Articles.

Da mesi si parla di questo test da parte di Facebook, ma adesso sta finalmente per sbarcare ufficialmente all’interno della piattaforma. Tra gli editori che parteciperanno a questo test si menzionano Bild, The Boston Globe, The Economist, proprietà di Hearst proprietà The Houston Chronicle e The San Francisco Chronicle, La Repubblica, Le Parisien, Spiegel, The Telegraph, Tronc (The Baltimore Sun, The Los Angeles Times, e The Union-Tribune di San Diego) e The Washington Post.

Leggi anche: Bixby 2.0, annunciato il nuovo assistente vocale Samsung, smart home sotto controllo

Facebook, abbonamento alle news

Saranno due i modelli di utilizzo di questo particolare abbonamento alle news di Facebook. Il primo prevede la possibilità di visualizzare 10 notizie liberamente prima di dover sottoscrivere un abbonamento. Il secondo, invece, prevede un modello “freemium” che consente agli editori di scegliere quali articoli rendere visualizzabili liberamente e quali no. Gli editori percepiranno il 100% delle entrate, quindi gestiranno le news in totale autonomia.

Ovviamente, l’interesse da parte nostra è tutto rivolto verso le partnership italiane. Anche da noi infatti arriverà questa importante novità di Facebook. Al momento è Repubblica ad aver ufficializzato la sua partecipazione al test delle news in abbonamento. A gestire il tutto per quanto appunto riguarda la collaborazione in Italia, sarà l’editore GEDI Gruppo Editoriale S.

p.A con Repubblica, L’Espresso e i giornali locali.

Leggi anche: Netflix contro tutti, dopo Amazon anche Google, Facebook e Apple puntano allo streaming

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.