Diritti tv Serie A, le radioline non serviranno, ecco dove vedremo le partite

Fumata nera nell'ultima riunione per i diritti tv della Serie A, ma ormai il cerchio sta per chiudersi. Ecco dove vedremo le partite il prossimo anno.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Fumata nera nell'ultima riunione per i diritti tv della Serie A, ma ormai il cerchio sta per chiudersi. Ecco dove vedremo le partite il prossimo anno.

Altra fumata nera nella riunione svoltasi ieri 23 maggio per i diritti tv della Serie A. Secondo giorno di fila in cui si sono riuniti i vertici Lega, i rappresentanti dei club del nostro campionato maggiore e naturalmente Roures di MediaPro. Cosa è successo?

MediaPro ha i giorni contati per diritti tv di Serie A

La risoluzione del contratto di MediaPro ancora non passa, niente da fare per i voti da raggiungere, anche nella seconda riunione qualcuno si è tirato indietro, i 14 voti non sono stati raggiunti, la votazione si è infatti fermata a 13, manca un solo voto per chiudere con gli spagnoli e mandarli a casa (il giorno prima si era fermata a 12). L’impressione quindi è che ormai MediaPro, giudicata sostanzialmente poco affidabile dal punto di vista economico, abbia i giorni contati. Come andrà a finire questa vicenda?

Ci sono ormai buone sensazioni da parte degli esperti, anche se Malagò e gli altri vertici della Lega Calcio non possono certo saltare di gioia. Nuova riunione, a questo punto decisiva, a giugno. Le previsioni ora dicono che MediaPro è all’angolo, l’intromissione dei cinesi sembra essere solo una scusa per togliere questi intermediari spagnoli di mezzo, Malagò è il grande sconfitto, con la fine di MediaPrò nelle trattative infatti si tornerà a parlare con Sky che a quel punto avrà tutto il potere decisionale nelle sue mani e potrebbe offrire ancora meno di quanto fatto nella prima asta.

Potrebbe interessarti anche: Instagram lancia Mute, la funzione che disattiva i post dalla home

Diritti tv Serie A, il dominio di Sky

Ricordiamo infatti che Mediaset ha ormai alzato bandiera bianca e Sky è stata l’unica oppositrice della sortita di MediaPro. In sintesi, le partite di Serie A le vedremo quasi sicuramente su Sky il prossimo anno, la pay tv satellitare ha ormai raggiunto il monopolio nel nostro paese, con i diritti Champions, quelli della EL, e naturalmente tutti gli altri sport, si propone come unica distributrice dello sport in Italia. Mediaset è stata quasi assorbita, ricordiamo che le due aziende hanno firmato un accordo, un pacchetto cinema di Premium va a Sky, mentre la pay satellitare regala alcune briciole di sport all’azienda del digitale terrestre.

Sta quindi per chiudersi una vicenda che ha impaurito i tifosi di calcio italiani, sembra ormai scongiurato il pericolo di seguire il prossimo campionato con le radioline come negli anni lontani. Al prossimo capitolo si metterà probabilmente la parola fine, vedremo in che modo poi Sky deciderà di elemosinare qualche partita a Mediaset lasciandole il classico pacchetto delle big o se deciderà di ucciderla definitivamente accaparrandosi proprio tutto.

Potrebbe interessarti anche: App Android, non ci crederete ma queste applicazioni contengono virus

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Notizie

I commenti sono chiusi.