Deliveroo, la startup del food delivery: di cosa si occupa esattamente?

Di cosa si occupa esattamente Deliveroo, la startup inglese del food delivery?

di Carlo Pallavicini, pubblicato il
Di cosa si occupa esattamente Deliveroo, la startup inglese del food delivery?

Si credeva che il mercato del food delivery fosse in crisi dopo la vendita di alcune startup da parte Rocket Internet negli scorsi mesi. Il denaro raccolto da Deliveroo, però, ha messo a tacere la cosa e ha dimostrato che il mercato del cibo portato a casa va ancora alla grande. Ecco allora le news a riguardo e le info sulla startup inglese Deliveroo.

Deliveroo, la startup inglese del food delivery: le info

La startup inglese Deliveroo è stata fondata tre anni fa e da allora ha raccolto circa quattrocentosettantacinque milioni di euro. Apprendiamo inoltre che essa è valutata da alcuni specialisti del settore circa un miliardo di euro. Deliveroo ha il famoso marchio del canguro e la sua forza è quella di recapitare a casa, entro mezz’ora, i vari piatti preparati nei ristoranti vicini a dove abita colui che fa l’ordinativo. Al momento Deliveroo va alla grande, basti pensare che negli ultimi otto mesi il fatturato è cresciuto tantissimo. Tale startup opera in dodici paesi compresa l’Italia e le città che è riuscita a raggiungere sono addirittura ottantaquattro. I ristoranti che hanno aderito a tale proposta sono invece novemila e a loro volta essi hanno coinvolto ben seimilacinquecento fattorini.

Startup Deliveroo: quali sono i suoi obiettivi?

Deliveroo non è la sola piattaforma ad occuparsi di food delivery. Tra queste c’è anche la Uber Eats che però raggiunge molti meno paesi e molte meno città. Il Ceo della startup ha spiegato che l’obiettivo principale della  startup è quello di fornire ulteriori innovazioni  nel settore del food e risolvere vari problemi come quello della consegna del cibo. Oltre a ciò la startup starebbe elaborando anche un piano per consegnare bevande da integrare al food. La società ha inoltre spiegato che i fondi accumulati fino ad ora saranno impiegati per l’espansione sul mercato e per  nuovi progetti in modo tale da fare concorrenza ad azienda del calibro di Uber ed Amazon.

Per tutte le informazioni sulle startup, leggi qui:

Startup sociale: premio di 20.000 euro e finanziamento a tasso zero, ecco come

Innovazione Apple: acquista la startup Turi e investe sull’Intelligenza Artificiale

Investimenti per 700 mila euro per le startup DynamiTick, CheckMoov, Moovenda e Tutored. Ma di che si occupano?

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Notizie