Cos’è Samsung Pay e perché potrebbe mettere paura ad Apple

Samsung Pay è l'altra grande novità di Samsung, il sistema di pagamento elettronico tramite dispositivo mobile che mette paura ad Apple Pay.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Samsung Pay è l'altra grande novità di Samsung, il sistema di pagamento elettronico tramite dispositivo mobile che mette paura ad Apple Pay.

A Barcellona Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge l’hanno fatta un po’ da padrona, però non è passato in secondo piano neppure l’altra novità Samsung, vale a dire Samsung Pay, il sistema di pagamento mobile che altro non è che la risposta ad Apple Pay (magari un po’ più di fantasia nel nome no?). Omonimie a parte, Samsung Pay sarà come previsto integrato nel nuovo Galaxy S6 e andrà a colmare tutti quei vuoti lasciati da Google Wallet, che non ha funzionato come avrebbe dovuto e come Google si sarebbe aspettato. L’acquisizione di LoopPay, infatti, è andata proprio in questo senso e le partnership strette con nomi del calibro di MasterCard, American Express e Visa fanno ben sperare su questo nuovo servizio pensato dall’azienda sudcoreana.  

Samsung Pay: come funziona?

La parola chiave di Samsung Pay, nonché l’unica arma che può mettere paura ad Apple e al suo sistema di pagamento tramite mobile, è la seguente: semplicità. Pagare con Samsung Pay sarà infatti molto infatti più facile che pagare con Apple Pay semplicemente perché mentre il secondo metodo funziona solo tramite NFC e quindi non è compatibile con la maggior parte dei POS, il metodo proposto dall’azienda sudcoreana, oltre a sfruttare il modulo NFC, sfrutta anche quello MST (Magnetic Secure Transmission) che è compatibile con il 90% dei POS.   Il pagamento tramite Samsung Pay avviene in questo modo:

  • effettuare uno swype dal basso verso l’alto per lanciare l’applicazione;
  • scegliere la carta con cui pagare;
  • autenticazione dell’utente tramite il sensore biometrico;
  • avvicinare il dispositivo al POS;
  • attendere che il processo di pagamento venga completato grazie alle tecnologie NFC e MST.

 

E la sicurezza?

Samsung ha lavorato anche sul fronte sicurezza per togliere tutte le paure del caso agli utenti che volessero utilizzare Samsung Pay. Ad esempio: se vi rubano il nuovo Galaxy S6 che succede ai dati della carta di credito in esso contenuti? Assolutamente nulla, visto che l’azienda sudcoreana ha pensato a un algoritmo specifico che determinerà un numero univoco (un “token“, in gergo) il quale sostituirà i numeri della carta, i quali peraltro non saranno salvati sullo smartphone, ma saranno delocalizzati.  

Samsung Pay: quando sarà disponibile?

Il nuovo servizio lanciato da Samsung è già pronto e sarà utilizzabile sui nuovi Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge, ma il sistema potrà essere utilizzato a partire da quest’estate, inizialmente solo negli Stati Uniti e in Corea, per poi diffondersi successivamente anche negli altri Paesi e quindi anche nel nostro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove tecnologie