Cos’è il drone journalism e perché rivoluzionerà il giornalismo

A Roma volano i droni: la startup italiana FlyTop presenterà 6 suoi modelli che ci daranno una dimostrazione di cosa sia il drone journalism e di quale supporto possa offrire ai giornalisti.

di Daniele Sforza, pubblicato il
A Roma volano i droni: la startup italiana FlyTop presenterà 6 suoi modelli che ci daranno una dimostrazione di cosa sia il drone journalism e di quale supporto possa offrire ai giornalisti.

Rivoluzioneranno il settore del giornalismo, ma non rimpiazzeranno i professionisti: sono i droni, di cui ormai si sente parlare da tempo e che adempiono a diverse finalità. Oggi a Roma, all’Atahotel Villa Pamphili, durante la Roma Drone Conference, la startup italiana FlyTop presenterà 6 modelli di droni: FlyGeo, FlyMax, FlyFast, FlyNovex, FlySmart e FlySecur. Gli ultimi 3 tipi di droni dispongono di una tecnologia in grado di migliorare e ottimizzare il settore del giornalismo grazie alla loro capacità di osservare eventi per un determinato lasso di tempo e raccogliere informazioni a riguardo. E già si parla di drone journalism.   TI POTREBBE INTERESSARE Google vs Facebook: la guerra dei droni ha inizio  

Cosa possono fare i droni reporter?

La presentazione dei droni reporter di FlyTop avviene dopo l’autorizzazione dell’Enac e quindi dopo l’ultimazione di alcuni dettagli burocratici e normativi, soprattutto legati alle eventuali e necessarie “coperture assicurative per danni a terzi al suolo o in volo”. I droni reporter avranno la possibilità di monitorare un evento particolare e offrire uno sguardo più ravvicinato e ricco di dettagli e informazioni: questo almeno faranno FlyNovex e FlySmart: il primo pesa 7 kg e ha un’autonomia di 20 minuti, il secondo è più leggero (1,5 kg) e garantisce un’autonomia di un quarto d’ora. Allo stesso modo anche FlySecur farà la sua parte: pesa 2 kg al decollo, assicura una maggiore autonomia (60 minuti minimo) ed è in grado di coprire grandi eventi che si tengono in ampi spazi anche grazie a una videocamera ad alta risoluzione. FlySecur è inoltre munito di un visore notturno, per una copertura degli eventi anche durante le ore serali.   Oltre al giornalismo, questi droni avranno altri compiti, come quello di osservare il territorio, senza contare le funzioni di sorveglianzasicurezza e monitoraggio di eventi. Rivoluzioneranno il giornalismo? Sicuramente ci forniranno dei punti di vista inediti e quindi maggiori dettagli, dimostrando la loro utilità soprattutto in determinate eventualità e in eventi di grande respiro (si pensi a concerti o manifestazioni di ampia portata). I droni faranno quindi da partner ideale per giornalisti, offrendo loro un supporto tecnologico finora mai avuto.   Ed è solo l’inizio.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Droni