Tutto su Apple Pay: la guida

Apple Pay è già attivo negli Stati Uniti e le prime impressioni sono ottime: in attesa che arrivi anche in Europa e in Italia, abbiamo stilato per voi una breve ma esauriente guida su Apple Pay, su cos'è e su come funziona.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Apple Pay è già attivo negli Stati Uniti e le prime impressioni sono ottime: in attesa che arrivi anche in Europa e in Italia, abbiamo stilato per voi una breve ma esauriente guida su Apple Pay, su cos'è e su come funziona.

L’aggiornamento a iOS 8.1 ha implementato anche Apple Pay, l’attesissimo servizio di pagamento made in Cupertino che trasforma il proprio iPhone in una vera e propria carta di credito. Con Apple Pay si può sostanzialmente acquistare un prodotto autorizzandolo semplicemente attraverso il Touch ID. Nonostante attualmente sia attivo solo ed esclusivamente negli Stati Uniti, mancano solo alcuni dettagli affinché il servizio arrivi anche in Italia. Nel nostro Paese, infatti, Apple Pay si può utilizzare anche oggi, ma solo se si è in possesso di una carta di credito americana. Nel frattempo, ecco una sintetica ma esauriente guida su come funziona Apple Pay.   LEGGI ANCHE Cos’è Apple Pay e come funziona su iPhone 6 e Watch  

Come funziona Apple Pay

Il meccanismo di Apple Pay è molto semplice: avvicinandoci a un prodotto avremo la possibilità di fotografarlo per avere ulteriori informazioni su di esso. Dopodiché, se vogliamo acquistarlo, ci basterà avvicinare il nostro dispositivo al terminale, selezionare la carta con cui si decide di pagare, autorizzare la transazione utilizzando il Touch ID e sfruttare il modulo NFC per comunicare con il POS dell’esercente. Tutto semplice e sicuro. Con Apple Pay sarà inoltre possibile effettuare acquisti in-app più rapidi.  

Con quali dispositivi iOS è compatibile Apple Pay?

La risposta a questa domanda è presto detta: i nuovissimi iPhone 6 e iPhone 6 Plus, mentre con i recenti iPad Air 2 e iPad Mini 3 si potrà solamente effettuare acquisti in-app perché entrambi i device non dispongono di modulo NFC, presente invece negli ultimi iPhone 6. Diversissimo il discorso per iPhone 5S e modelli precedenti, su cui Apple Pay funziona solo se integrato con Apple Watch, in uscita a gennaio 2015.  

Dove è accettato il pagamento con Apple Pay?

Attualmente sono diversi i rivenditori che accettano pagamenti con Apple Pay. Tra questi si annovera McDonald’s, mentre entro la fine dell’anno si aggregherà anche il Disney Store. Al momento sono oltre 200 mila i rivenditori compatibili con Apple Pay. Naturalmente per ora parliamo di rivenditori e catene solo statunitensi – anche se McDonald’s e Disney Store sono anche da noi.  

Apple Pay è davvero sicuro?

La domanda fatidica è alfine giunta: Apple Pay è davvero sicuro? A quanto sembra pare proprio di sì. Sia per quanto riguarda l’autorizzazione della transazione, che proviene dal nostro riconoscimento sul Touch ID – il procedimento è lo stesso per acquistare su iTunes – sia per ciò che concerne la salvaguardia della sicurezza dei propri dati di pagamento, assicurati dal Secure Element Chip, un settore sicuro dell’hardware presente solo ed esclusivamente su iPhone 6 e iPhone 6 Plus e che non passano minimamente per la componente software, che entra in funzione nel momento in cui si effettua una transazione e viene generato un numero casuale di 16 cifre. Anche la componente hardware è al sicuro, in quanto qualora un malintenzionato smontasse l’iPhone, l’Element Secure Chip identifica la manomissione e si disattiva automaticamente.   Come ultima cosa, se l’iPhone viene rubato, sarà sufficiente utilizzare la funzione Trova il mio iPhone su un altro device Apple o dal browser e attivare la modalità “Smarrito“, che influirà sull’iPhone bloccandolo.  

Quando Apple Pay sarà disponibile in Italia?

Al momento Apple Pay supporta carte di credito da Bank of America, Citybank, American Express, Wells Fargo, Chase e Capital One, ma i rapporti con gli altri istituti si sta consolidando e dovrebbe stringersi ufficialmente tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015.   La partnership con gli istituti bancari è anche il cavillo che rallenta l’arrivo di Apple Pay fuori dagli Stati Uniti: infatti il motivo del ritardo in Europa è da imputarsi alla serie di accordi che Apple deve stringere con i numerosi istituti bancari del continente. Insomma, Apple Pay arriverà in Europa e in Italia, ma per il momento bisognerà aspettare ancora un po’.   Foto | Apple

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: iOS 8

Leave a Reply