Connessione Wi-Fi non è sicura, falla nel sistema WPA2, attacco hacker cattura dati – Come difendersi?

Falla nel sistema WPA2 del Wi Fi. A rischio i nostri dati dei nostri device. Sistemi Android e Linux i più attaccabili dagli hacker. Ecco come difendersi.

di , pubblicato il
Falla nel sistema WPA2 del Wi Fi. A rischio i nostri dati dei nostri device. Sistemi Android e Linux i più attaccabili dagli hacker. Ecco come difendersi.

Ancora una volta il mondo della tecnologia mostra il suo lato imperfetto, stavolta nell’occhio del ciclone c’è il Wi-Fi, a quanto pare non più sicuro dopo che alcuni hacker hanno attaccato il sistema WPA2 per intercettare i dati dei naviganti. A scoprirlo un team di ricerca che ha chiamato tale falla Krack Attacks. Andiamo a scoprirne di più.

Wi-Fi sotto attacco hacker, falla nel sistema WPA2

Secondo questo gruppo di ricercatori, le connessione wi-fi non sono più sicure. Il team ha infatti identificato una grave falla all’interno di WPA2, il sistema utilizzato per criptare i dati attraverso le connessioni Wi-Fi, cosa che potrebbe rendere possibile l’intercettazione dei dati scambiati dai computer e dagli smartphone attraverso le connessioni senza fili. Tutti i punti di accesso sono interessati dal problema, i nostri device sono quindi a forte rischio di essere intercettati da malintenzionati.

Benché il problema riguardi gli standard del wi-fi stesso, secondo i ricercatori i device più a rischio sono i dispositivi con Android dalla versione 6.0 in poi e con alcune distribuzioni del sistema operativo Linux poiché non chiedono una nuova chiave per criptare i dati ad ogni connessione. Su Windows e macOS il problema c’è, ma è mitigato dal fatto che non tutti i pacchetti di informazioni possono essere decifrati facilmente.

Leggi anche: Wind Tre, lo switch on fa scaricare gli smartphone, perché questi problemi di batteria?

Falla nel sistema Wi-Fi, cosa fare per difendersi?

Dubbi sull’affidabilità di WPA2 circolavano ormai da tempo e alcuni produttori di dispositivi, soprattutto router, nelle ultime settimane hanno iniziato a lavorare ad aggiornamenti per risolvere il problema, tale procedura però risulta decisamente poco semplice, anche se alcuni hanno già rilasciato aggiornamenti in tal senso.

Cosa fare per difendersi? L’utente non può fare altro che scaricare gli aggiornamenti una volta resi disponibili. Per farlo sui device la procedura sarà sostanzialmente automatica.

Diverso, invece, il discorso per i router, chi ha un proprio router dovrà invece andare sul sito del produttore e vedere se ci saranno update. Per chi invece ha un router fornita dallo stesso distributore di internet, tale aggiornamento dovrebbe essere ricevuto in automatico. In attesa che il problema sia risolto, il consiglio è di connettersi al wi-fi solo utilizzando siti e servizi con Https, o una Vpn (cioè una Rete privata virtuale che reindirizza il nostro traffico). Lo scopo è quello di aggiungere ulteriori strati di cifratura rispetto a quello di base del Wi-Fi così ca complicarne la decifrazione.

Leggi anche: WhatsApp prepara le chiamate di gruppo, ultime news versione Recall per cancellare i messaggi

Argomenti: Nessuno