Come sta cambiando il rapporto tra internet e gli italiani?

Come è cambiato negli ultimi tempi il rapporto tra gli italiani e internet e come sono mutati i mezzi e gli strumenti di fruizione? Gli accessi da mobile risultano in costante crescita nel nostro Paese: navigare su smartphone e tablet sta diventando prassi comune. Ecco cosa ci dicono gli ultimi dati Audiweb.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Come è cambiato negli ultimi tempi il rapporto tra gli italiani e internet e come sono mutati i mezzi e gli strumenti di fruizione? Gli accessi da mobile risultano in costante crescita nel nostro Paese: navigare su smartphone e tablet sta diventando prassi comune. Ecco cosa ci dicono gli ultimi dati Audiweb.

Internet sta entrando sempre più nelle nostre vite, ma gli italiani, come ben saprete, sono sempre un po’ restii alle nuove tecnologie. Eppure, negli ultimi tempi, il rapporto tra gli italiani e il web sta cambiando: se prima gli accessi erano prevalentemente effettuati tramite desktop, da quest’anno gli accessi da mobile stanno crescendo. E’ un cambio di rotta significativo per il nostro Paese, se si pensa che in altri lidi, come Stati Uniti o Regno Unito, l’accesso a internet da mobile è ormai una prassi e dispositivi come smartphone e tablet vengono utilizzati per diversi scopi. Sotto questo aspetto, gli ultimi dati Audiweb relativi all’Italia, risultano confortanti.   TI POTREBBE INTERESSARE Ecco come usiamo internet e cosa ci mancherebbe se non ci fosse  

Come e dove navigano gli italiani su internet?

Gli ultimi dati di navigazione monitorati e certificati da Audiweb sono relativi a marzo scorso e individuano ben 7,4 milioni di italiani che entrano su internet solo da mobile mediamente in 1 giorno. Una cifra sorprendente per il nostro Paese e in costante crescita. Da segnalare, infatti, il superamento di accessi da desktop, che invece si attestano a soli 5,3 milioni. Tracciando un quadro generale, si segnala una migrazione dell’audience da PC a mobile abbastanza consistente: 17,2 milioni di utenti nell’arco di un mese, ovvero il 40% del target compreso nella fascia di età 18-74, mentre da PC si contano 24 milioni di utenti, ovvero il 53% del target stesso, tutto questo a livello mensile. A livello quotidiano, invece, la fruizione online da mobile supera nettamente quella da PC (14,5 contro 12,5 milioni). I dati raccolti segnalano un’importante fruizione al Centro (86%), seguito dal Nord (85%), mentre più distaccato è il Sud (77%), con gli uomini che superano le donne in fatto di navigazione, ma non di molto (85% contro 80%). L’accesso internet cresce ovunque e da qualunque dispositivo, ma l’incremento maggiore lo registrano a sorpresa i tablet (+113,5%), seguiti dagli smartphone (+7%), mentre più in basso si annoverano il PC da lavoro (+3,2%) e il PC da casa (+1,8%). In generale, ben 20,7 milioni di utenti accedono a internet tramite mobile: si tratta del 47,7% degli italiani compresi nel target sopraccitato della fascia di età 18-74, mentre da tablet vi accede solo il 15,8% (ma come visto sopra il numero è in crescita). Un altro dato interessante da segnalare riguarda le ore di fruizione: mentre da PC l’accesso a internet ha un picco nel pomeriggio per poi ridiscendere verso le ore serali, gli accessi da mobile sono costanti tutta la giornata: la portabilità, insomma, ha il suo peso. Infine, gli accessi a internet vengono effettuati soprattutto per utilizzare i servizi di messaggistica istantanea (WhatsApp docet), entrare sui social network, navigare con le Mappe (Google Maps) e controllare la mail.   Fonte foto | Audiweb

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Buzz