Come navigare in incognito con Firefox e Chrome

Cosa significa navigare in incognito e come si può fare su browser come Firefox o Chrome? Ecco una breve ma esauriente guida che vi spiegherà come navigare in incognito su Chrome e Firefox in pochi semplici passi.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Cosa significa navigare in incognito e come si può fare su browser come Firefox o Chrome? Ecco una breve ma esauriente guida che vi spiegherà come navigare in incognito su Chrome e Firefox in pochi semplici passi.

Cosa significa navigare in incognito? La navigazione in incognito non è da confondersi con la navigazione in anonimo, perché la prima consente solamente di non salvare le nostre ricerche e i nostri dati (come password et similia) ed è molto utile nel caso in cui non utilizziamo un computer nostro oppure un computer condiviso. La navigazione in incognito è presente sui principali browser, come Firefox e Chrome, e consente di non memorizzare, oltre alle password, anche i cookies e i contenuti delle cache. In questo articolo vogliamo dunque proporvi una piccola guida su come navigare in incognito con Firefox e Chrome: saranno sufficienti pochi semplici passi per navigare su entrambi i browser senza lasciare traccia della nostra cronologia.   TI POTREBBE INTERESSARE Come e dove scaricare musica gratis da internet Come leggere un eBook sul PC  

Navigare in incognito su Firefox

Navigare in incognito su Firefox è molto semplice: innanzitutto aprite la pagina web con il browser Firefox, dopodiché cliccate sulla barra arancione in alto a sinistra su cui c’è scritto Firefox: vi si aprirà un menu a tendina sul quale comparirà l’opzione “Nuova finestra anonima” con tanto di maschera accanto come icona. Cliccateci sopra e vi comparirà una nuova pagina web che, inizialmente, vi illustrerà il funzionamento della navigazione in incognito su Firefox. Si legge infatti: “In una finestra di navigazione anonima non verrà conservata in Firefox alcuna cronologia relativa a navigazione, ricerche, download, compilazione di moduli, cookie e file temporanei. Tuttavia verranno mantenuti eventuali file scaricati o segnalibri aggiunti. Per interrompere la navigazione anonima è sufficiente chiudere la finestra”. La specificazione che segue è d’obbligo: “Anche se questo computer non conserverà alcuna informazione relativa alla cronologia di navigazione, il fornitore di servizi internet in uso sarà comunque in grado di mantenere un registro delle pagine visitate“. Quindi, immettendo un indirizzo sull’apposita barra, potremo cominciare a navigare in incognito sul browser Firefox (noteremo che le nostre credenziali automatiche su servizi come Facebook o Google sono sparite) senza lasciare traccia delle nostre ricerche sulla cronologia. Qualora invece si preferiscano le scorciatoie da tastiera, non dovrete fare altro che digitare contemporaneamente Ctrl+Shift+P per avviare una scheda di navigazione in incognito, ma solo se siete già su una finestra Firefox.  

Navigare in incognito con Chrome

Navigare in incognito sul browser Chrome risulta altrettanto semplice. Su una scheda già aperta non dovrete fare altro che guardare in alto a destra, dove ci sono quelle tre linee orizzontali e parallele. Cliccateci sopra e scorrete in basso fino a trovare Nuova finestra di navigazione in incognito. Cliccateci sopra e vi si aprirà una nuova finestra dove, come per Firefox, vi verranno illustrate le linee guida e spiegato cosa significa navigare in incognito su Chrome. Se preferite utilizzare le scorciatoie da tastiera la combinazione è la seguente: Ctrl+Shift+N. “Sei passato alla navigazione in incognito”, si legge. “Le pagine visualizzate nelle schede di navigazione in incognito non vengono memorizzate nella cronologia del browser, nell’archivio dei cookie o nella cronologia delle ricerche dopo aver chiuso tutte le schede di navigazione in incognito. I file scaricati o i Preferiti creati verranno conservati“. “Ma non sei invisibile“, si legge nell’avviso. Si prosegue infatti con un avvertimento molto importante, se non fondamentale: “Se attivi la modalità di navigazione in incognito, la tua navigazione non viene nascosta al datore di lavoro, al tuo provider di servizi internet, ai governi, ad altri esperti malintenzionati o ai siti web che visiti”. Si conclude infine con una precisazione sulle estensioni: “Dato che Google Chrome non controlla la modalità di trattamento dei dati personali delle estensioni, tutte le estensioni sono state disattivate per le finestre in incognito. E’ possibile riattivarle singolarmente in Gestione Estensioni“. Anche qui, come su Firefox, sarà poi sufficiente digitare un qualsiasi indirizzo sull’apposita barra per procedere con la navigazione in incognito.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Guide