Com’è fatto iPhone 6: pregi e difetti

iPhone 6 è finalmente ufficiale: dopo mesi e mesi di rumors e indiscrezioni diamo un'occhiata più da vicino al nuovo melafonino, scopriamo com'è fatto e analizziamone potenziali pregi e difetti.

di Daniele Sforza, pubblicato il
iPhone 6 è finalmente ufficiale: dopo mesi e mesi di rumors e indiscrezioni diamo un'occhiata più da vicino al nuovo melafonino, scopriamo com'è fatto e analizziamone potenziali pregi e difetti.

iPhone 6 è stato presentato ieri e l’annuncio ufficiale conferma alcune delle aspettative che erano trapelate dai rumors e dalle indiscrezioni, mentre ne smentisce altre: nessuna fotocamera da 13 pixel, per intenderci, ma una tecnologia più potente che aumenta il livello qualitativo delle immagini. Parlare di iPhone 6, infatti, ci costringe a parlare di tecnologia, più che di mere specifiche tecniche e design perché è proprio la tecnologia al centro di tutto. Scopriamo perché andando a vedere com’è fatto iPhone 6 e analizzandone vantaggi e svantaggi.   LEGGI ANCHE iPhone 6: quando esce e quanto costa in Italia?  

Design

Le dimensioni del nuovo iPhone 6 sposano il design regalandoci un melafonino più sottile, ergonomico, bello a vedersi e a toccarsi. 138,1 millimetri di altezza, 67 millimetri di larghezza e solo 6,9 millimetri di spessore per un peso totale di 129 grammi: leggero ed ergonomico, insomma, adatto a tutte le mani che risulterà piacevolissimo da tenere in mano. Non si è parlato di vetro zaffiro, ma di vetro rinforzato agli ioni in grado di proteggerlo da urti e graffi molto meglio rispetto ai modelli precedenti.  

Display

iPhone 6 presenta un display Retina da 4,7 pollici e vanta una risoluzione HD da 1334×750 pixel per un totale di 326 pixel per pollice. Sicuramente uno dei pezzi forti del nuovo gioiello Apple, capace di fornire agli utenti una qualità migliore delle immagini, una migliore nitidezza e un maggiore contrasto, senza dimenticare angoli di visione migliorati e un equilibrio dei colori molto buono. L’altissima definizione del pannello non sembra uno scherzo, visto che i tipi di Apple vi hanno lavorato a fondo sviluppando un particolare processo di fotoallineamento per conferire maggiore nitidezza alle immagini e alla schermata nel suo complesso.  

Hardware

Il cuore di iPhone 6 è una CPU A8 64-bit di seconda generazione, che risulta essere il 25% più potente rispetto all’iPhone 5S e naturalmente più veloce, grazie all’integrazione con il sistema operativo iOS 8 che renderà i processi più fluidi. A ciò si aggiunge solamente 1 GB di RAM e fino a 128 GB di memoria interna (gli altri due tagli sono da 16 GB e 64 GB). Nonostante 1 GB di RAM possa sembrare poco, soprattutto nel periodo degli smartphone da 3 GB di RAM, c’è da precisare che iOS non necessita di tanta RAM per garantire buone prestazioni. Ciononostante qualche perplessità sul lato hardware resta, ma pensiamo saranno subito evase al primo utilizzo.  

Fotocamera

La fotocamera è un altro dei migliori punti di forza dell’iPhone 6. Decisamente migliorata rispetto al modello precedente, non presenta 13 megapixel come affermato nelle ultime indiscrezioni pre-annuncio: iPhone 6 monta una fotocamera iSight da 8 megapixel ma è la tecnologia a fare la differenza e, più precisamente, la tecnologia FocusPixels, che monitorano e valorizzano la messa a fuoco velocizzandola e riducendo il rumore. Dotata di stabilizzatore di immagini digitale, è in grado di girare video a 1080p a 30 o 60 fotogrammi al secondo. La nuova fotocamera dell’iPhone 6 consente di realizzare scatti ideali anche in condizioni di scarsa luminosità. Se vogliamo trovare un lato negativo è l’assenza del supporto alla registrazione video in 4K. Anche la fotocamera frontale, invece, ovvero la FaceTime HD è stata coinvolta nel miglioramento complessivo, includendo la modalità “burst” e dotata di un miglior riconoscimento facciale oltre che di una maggiore luminosità grazie a un aumento dell’apertura dell’obiettivo.  

Software e connettività

Il sistema operativo di iPhone 6 sarà ovviamente iOS 8, con tutta la serie di novità di cui stiamo parlando ormai dall’autunno scorso. La connessione internet sarà molto più veloce: da un lato la LTE, che sfrutterà la tecnologia VoLTE, ovvero Voice over LTE, in grado di aumentare la qualità delle nostre chiamate e di trasformare le conversazioni in veri e propri pacchetti di dati. Anche la WiFi subisce un miglioramento e risulta essere tre volte più veloce rispetto agli iPhone passati.  

Autonomia

Come ben saprete, la batteria è sempre stato uno dei punti deboli di iPhone 6. Difficile scommettere sulla verità di quanto detto da Apple, ma hanno riferito come la batteria e quindi l’autonomia del device fosse notevolmente migliorata, ancor di più sull’iPhone 6 Plus. L’iPhone 6 dovrebbe quindi garantire 14 ore di conversazione in 3G, 10 ore di navigazione in LTE e 3G e 11 ore in WiFi, 50 ore di riproduzione musicale e 11 ore di riproduzione video. Attendiamo di averlo in mano per testare la veridicità di questi dati.  

Scheda tecnica: riepilogo

  • Dimensioni: 138,1x67x6,9 millimetri;
  • Peso: 129 grammi;
  • Display: 4,7 pollici Retina HD con risoluzione 1334×750 pixel (326 ppi);
  • Processore: CPU A8-64 bit;
  • RAM: 1 GB;
  • Memoria interna: 16/64/128 GB;
  • Fotocamera posteriore: iSight da 8 megapixel con stabilizzatore d’immagine digitale e video a 1080p;
  • Fotocamera anteriore: FaceTime HD
  • Connettività: Bluetooth 4.0, modulo NFC, LTE con tecnologia VoLTE e WiFi 802.11a/b/g/n/ac;
  • Sistema operativo: iOS 8.

  Che ne pensate?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Recensioni, Recensioni Apple iPhone, Smartphone, Famiglie