TIM e Cisco si accordano per lo sviluppo di nuove infrastrutture cloud

Noovle, TIM e Cisco insieme per cambiare la tecnologia.

di , pubblicato il
cloud

TIM con la controllata Noovle sigla accordo con Cisco per la creazione e lo sviluppo di attività cloud volte a imprese e pubblica amministrazione. Entrambe le aziende faranno leva sulle rispettive competenze in campo tecnologico per sviluppare appunto congiuntamente, quindi in partnership,  infrastrutture all’avanguardia.

TIM e Cisco insieme per il cloud

Parola d’ordine, cloud. Questo l’impegno congiunto da Noovle di TIM e Cisco. Il trittico darà vita a nuovi sistemi che permetteranno di migrare le aziende verso modelli di lavoro tecnologicamente più avanzati. Le infrastrutture cloud sviluppate faranno da rete per le nuove tecnologie aggiornate, con particolare attenzione verso determinati campi del mondo tech, ossia Internet of Thing, 5G, Smart city e cybersecurity. A giocare un ruolo determinante sarà il Cisco Co-Innovation Center di Milano dedicato alla Cyber Security e alla Data Privacy.

Ma non solo, TIM infatti disporrà della rete di vendita del suo gruppo, mentre invece Noovle si avvarrà di altre competenze, nello specifico lettera a disposizione del progetto le proprie soluzioni multi-cloud e i suoi Data center con 1.000 professionisti dedicati al progetto. Fare una solida piattaforma strategica combinando cloud e rete, questo l’obiettivo, come ci ricorda lo stesso Paolo Campoli, Cisco Vice President, Global Service Provider, il quale commenta: “è un tassello fondamentale per aiutare le aziende e il paese a sfruttare al 100% la leva del digitale”.

Dal Cloud al lavoro ibrido

Obiettivo, raggiungere il lavoro ibrido, ormai passaggio ulteriore della trasformazione digitale. Le aziende dovranno essere accompagnate in questa migrazione. La rete di vendita del gruppo TIM sarà sicuramente decisiva in questo, mentre Noovle e Cisco metteranno in campo le proprie conoscenze tecnologiche.

Questa in sintesi la squadra e il lavoro che il terzetto dovrà compiere. Ricordiamo che a fine maggio è stato annunciato l’arrivo dell’hub italiano Gaia X, un sistema cloud a cui ha aderito anche TIM.

Ma vediamo quali sono invece le parole di Carlo d’Asaro Biondo, Amministratore Delegato di Noovle, in merito all’accordo concluso: “Mettiamo a disposizione dei settori pubblici e privati piattaforme automatizzate e soluzioni in cloud che consentono la gestione dei bisogni del cliente, dalla connettività ai servizi. Le attività e i progetti che implementeremo insieme a Cisco sono in linea con il più ampio obiettivo del gruppo di contribuire alla digitalizzazione del Paese”.

Potrebbe interessarti anche Fintech per i giovani, FamPay pensa agli adolescenti e raccoglie 38 milioni di dollari 

Argomenti: