Cieli blu e acqua (ghiacciata) rossa su Plutone: le nuove foto di New Horizons

Nuove immagini di Plutone inviate da New Horizons fanno luce sui cieli blu dell'atmosfera del pianeta nano e rilevano acqua ghiacciata di colore rosso.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Nuove immagini di Plutone inviate da New Horizons fanno luce sui cieli blu dell'atmosfera del pianeta nano e rilevano acqua ghiacciata di colore rosso.

Nuove foto di Plutone sono state inviate di recente dalla sonda New Horizons, che hanno mostrato aspetti davvero particolari e molto interessanti del pianeta nano: innanzitutto il cielo blu, azzurro come quello della Terra; secondo poi, e questo sarà un punto da approfondire, l’acqua ghiacciata che si presenta in zone di colore rosso. Le nuove foto, corredate di testo esplicativo, sono state pubblicate sul sito ufficiale della Nasa, nella pagina dedicata alla missione New Horizons su Plutone.   plutone-nuove-foto-2-ab   Perché il cielo di Plutone appare blu? La prima foto a colori dell’atmosfera di Plutone dà indizi piuttosto esplicativi sulla composizione atmosferica del pianeta nano e sull’identità delle particelle che sono presenti nella sua foschia, di colore grigio o rossastro. Ciò che avviene poi è data dal modo in cui tali particelle diffondono la luce da cui vengono colpite. Per quanto riguarda l’assunzione di questo colore, Carly Howett – del team New Horizons – lo ha spiegato così:  

Questa incredibile tinta blu ci fa capire quale siano le dimensioni e la composizione delle particelle della foschia. Un cielo blu deriva spesso dalla diffusione della luce solare generata da particelle molto piccole. Sul nostro pianeta, queste particelle sono minuscole molecole di azoto. Su Plutone sembrano invece essere più grandi, eppure relativamente piccole, simili alla fuliggine, che corrispondono al nome di toline.  

Queste toline sono state individuate per la prima volta sulla luna di Saturno, Titano, grazie all’astronomo americano Carl Sagan, il primo ad averle visualizzate. Le toline si formano ad alta quota nell’atmosfera, nel punto in cui la luce solare ultravioletta agisce sulle molecole di metano e azoto innescando un processo che va a formare particelle sempre più piccole e ricombinate tra loro. Ciò porta a una condensazione dei gas volatili che ricadono sulla superficie e la ghiacciano. Da qui deriverebbe la colorazione rossastra della superficie del pianeta.   plutone-nuove-foto-3-ab   E infatti l’altra grande scoperta della Nasa grazie alle immagini scattate da New Horizons consiste proprio nella colorazione che assume l’acqua ghiacciata sulla superficie del pianeta nano: nell’analisi spettrale delle immagini, i punti chiari che individuano la presenza dell’acqua, nelle foto a colori corrispondono infatti proprio a zone dal colore rossastro. Ciò significa che la superficie sarebbe coperta da acqua ghiacciata rossa, ma per quanto riguarda la relazione che c’è tra le toline e l’acqua ghiacciata rossa, come riporta Silvia Protopapa del team di New Horizons, “ancora non la comprendiamo”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Scienza e Natura

I commenti sono chiusi.