CES 2014: ecco iOptik, le lenti a contatto che faranno dimenticare i Google Glass

Al CES 2014 di Las Vegas, Innovega ha presentato iOptik, le lenti a contatto intelligenti, che doneranno una vista da superuomo e, grazie agli occhiali intelligenti che le accompagnano, funzioneranno da veri e propri microcomputer. I Google Glass sono già antiquati?

di Daniele Sforza, pubblicato il
Al CES 2014 di Las Vegas, Innovega ha presentato iOptik, le lenti a contatto intelligenti, che doneranno una vista da superuomo e, grazie agli occhiali intelligenti che le accompagnano, funzioneranno da veri e propri microcomputer. I Google Glass sono già antiquati?

Lenti a contatto da Superman: tempo fa non sarebbe stato possibile, ma in questo periodo, così ricco di innovazioni che virano nella direzione delle tecnologie indossabili, lo è, lo è stato, lo sarà. Al CES 2014, Innovega ha presentato le lenti a contatto iOptik, che in realtà sono molto di più che semplici lenti a contatto: migliorano la vista, visualizzano informazioni e, soprattutto, non sono accessori ingombranti.

Volete vedere che le lenti a contatto iOptik faranno dimenticare i tanto attesi Google Glass?

 

LEGGI ANCHE

CES 2014: il futuro si chiama LG

CES 2014, Sony: la nuova sfida si chiama 4K

 

CES 2014, Innovega presenta le lenti a contatto iOptik: ecco cosa fanno

Il CES 2014 rappresenta un’eccellente vetrina per comprendere le tendenze dei prossimi anni. Naturalmente, queste lenti a contatto super-intelligenti non saranno disponibili subito, necessiteranno di una fase iniziale di testing e, quando saranno immessi sul mercato, avranno, almeno in principio, un prezzo proibitivo. Ma la storia delle innovazioni tecnologiche ci ha insegnato che ciò che è caro oggi, domani sarà accessibile a tutti. E proprio un domani, nemmeno troppo lontano, tutti potremo avere a disposizione le lenti a contatto iOptik, che ci faranno diventare dei novelli Superman. 

Ma a cosa servono queste speciali ed evolutissime lenti a contatto? Ce lo spiega Innovega: “Vogliamo migliorare la vista per tutti attraverso un paio di lenti a contatto e, per chi desidera, aumentarla con le informazioni della rete attraverso gli occhialini”. Rispetto ai Google Glass, infatti, i nuovi accessori Innovega consentiranno di avere “una risoluzione sei volte maggiore 20 volte l’area visiva a disposizione“. 

Sarà difficile nascondersi da qualcuno che possiede le lenti a contatto iOptik, vista che sarà possibile riconoscere persone e cose a decine di metri di distanza (utile per visualizzare le targhe di automobili che scappano dopo un incidente, tanto per fare un esempio).

Innovega accompagnerà le lenti a contatto con un paio di occhiali intelligenti che avranno la funzione di interagire con applicazioni e contenuti multimediali, il tutto senza creare danni all’occhio, anche se sotto questo aspetto abbiamo qualche riserva, sperando che la testa, durante l’utilizzo di questi accessori intelligenti, non esploda in una forte emicrania. 

Restiamo in attesa di ulteriori sviluppi, ma nel frattempo possiamo essere (quasi) certi di una cosa: ancora devono uscire e i Google Glass stanno già andando in pensione 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: CES 2014