C’è una bella notizia: WhatsApp diventa completamente gratis

WhatsApp diventa completamente gratis e promette nuovi strumenti per agevolare la comunicazione tra un'azienda e i suoi clienti.

di Daniele Sforza, pubblicato il
WhatsApp diventa completamente gratis e promette nuovi strumenti per agevolare la comunicazione tra un'azienda e i suoi clienti.

C’è una bella notizia per chi usa il servizio di messaggistica istantanea più popolare del mondo: WhatsApp diventerà infatti completamente gratis per volere di Jan Koum, che ha ufficializzato questo piano in occasione della conferenza Digital Life Design di Monaco, piano che poi è stato ribadito sul blog ufficiale dell’azienda. Non cambia nulla per chi utilizzava il servizio prima del 2014, mentre chi ha cominciato a usarlo in quell’anno si ritrovava a pagare – dal secondo anno di utilizzo in poi – 89 centesimi di euro all’anno, 99 centesimi di dollaro. Ebbene, Jan Koum ha affermato che tale modello non è stato vincente, un po’ perché in molti non hanno carte di credito, un po’ perché diversi utenti hanno paura di perdere – dopo il primo anno gratuito – contatti con i loro amici e parenti, magari lontani.   Non solo: sulla rete circola un interessante parallelismo tra Telegram e WhatsApp, analizzando i punti di forza del primo e del secondo, e focalizzandosi prevalentemente sulla gratuità del primo, enorme punto a favore che riguarda i servizi di messaggistica attualmente presenti. Anche Messenger sta salendo di quota nelle preferenze degli utenti e WhatsApp non può certo lasciarsi sfuggire l’occasione di continuare su un modello di business – quei “maledetti” 89 centesimi di euro annui – che non ha dato i frutti sperati.   Inoltre WhatsApp si aggiornerà anche con alcune novità, facilitando ad esempio il contatto tra utenti e aziende: Jan Koum ha infatti dichiarato che il suo team sta lavorando a nuovi tool per agevolare la comunicazione tra un’azienda e i suoi clienti, come ad esempio una compagnia aerea, che potrebbe facilmente inviare un messaggio a tutti i suoi passeggeri che l’aereo per tale destinazione partirà in ritardo, e lo stesso dicasi per i treni, senza ovviamente dimenticare le classiche aziende commerciali, alle quali magari ci si può legare tramite una classica carta fedeltà.   Chi si sta chiedendo se questo cambio di rotta da parte di WhatsApp possa portare della pubblicità sul servizio, può ricredersi: Jan Koum stesso ha dichiarato che il mancato pagamento degli utenti abbonati non sarà compensato dall’arrivo di fastidiosi e invasivi banner pubblicitari. Insomma, WhatsApp ha rifatto i conti e ha divulgato la bella notizia: chissà se basterà a convincere tutti quegli utenti che sono passati nel frattempo a Telegram Messenger a ritornare nella piattaforma abbandonata. Certamente, un dato di fatto è questo: molti utenti hanno confessato di non esser passati a un altro servizio di messaggistica perché tutti i loro amici erano già su WhatsApp. Il modello di business vincente, dopotutto, resta sempre questo: il placet degli utenti.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: novità WhatsApp, Chat, Notizie