Cashback di stato, come sta andando la grande operazione del Governo? I numeri

Grande successo nonostante le difficoltà per il Cashback di stato.

di , pubblicato il
Grande successo nonostante le difficoltà per il Cashback di stato.

Continua a esserci un gran parlare di IO, l’app che ora offre il servizio di cashback ufficiale dello stato, ma come sta andando al momento l’operazione proposta dal Governo? Vediamo alcuni numeri.

Cashback, i numeri

App, SPID e carte, questi i tre requisiti per partire con il Cashback di stato, combattere l’evasione e permettere agli italiani consumatori di guadagnarci anche un gruzzoletto, ma come sta andando questa maxi operazione al momento? Per ora i dati si limitano e sono stati archiviati con ufficialità fino al 14 dicembre, dunque dopo una settimana di attività dell’app. E possiamo dire che i primi giorni non è stato certo facile, viste le difficoltà riscontrate all’inizio. Ma passiamo ai numeri.

Sono 150 mila gli italiani che hanno effettuato già almeno 10 transazioni in questi primi giorni, inoltre già 15.000 partecipanti al all’Extra Cashback di Natale hanno già maturato la soglia minima di 10 transazioni valide al rimborso del 10% sugli acquisti effettuati con carte e app entro il 31 dicembre. Ma non è tutto, il totale degli iscritti è di ben 4 milioni di italiani, mentre per quanto riguarda le transazioni, stanno salendo sempre più, tanto che al momento si registrano quasi 2 milioni di transazioni in totale.

Sempre addentrandoci di più nei numeri, al momento risultano associate all’app circa 2 milioni di carte PagoBancomat, 4 milioni e mezzo di carte di credito. Il totale dei rimborsi che lo Stato dovrà versare sui conti correnti degli italiani è per ora di 16,4 milioni, ma lo stanziamento è di 227,9 milioni di euro, quindi dovrebbe essere ampiamente coperto, considerando che manca ormai meno di due settimane alla chiusura del 2020. Ricordiamo che i rimborsi maturati saranno versati entro il 28 febbraio 2021.

Potrebbe interessarti anche Problemi cashback con contactless, ecco perché rischiate di perdere il rimborso

Argomenti: