Bug Wi-Fi sin dal 1997, tanti smartphone a rischio sicurezza

Vulnerabilità per bug dei wi-fi scoperta dai ricercatori. Dispositivi a rischio sicurezza.

di , pubblicato il
Bug wi-fi

Nuova vulnerabilità scoperta per un bug del wi-fi, stavolta la ricerca arriva dal belga Mathy Vanhoef, esperto di informatica, il quale ha scovato un bug relativo allo standard del wi-fi relativo al protocollo del 1997, e che mette a rischio tutti i dispositivi che ne fanno uso.

Bug wi-fi, smartphone a rischio

Si chiama “Fragmentation Attack”, abbreviato in Frag Attack, questo il nome dato al bug che rischia di compromettere il funzionamento degli smartphone e degli altri dispositivi a esso connessi. La vulnerabilità del wi-fi risale al protocollo del 1997, parliamo quindi di un bug che persiste da ben 24 anni e che solo ora è stato scoperto. Ma cosa fa precisamente questo bug? Se sfruttata, la vulnerabilità consente agli hacker di introdursi nel sistema e raccogliere tutte le informazioni sul dispositivo connesso alla rete wi-fi violata.

In sostanza, i Frag Attack sono in grado di intervenire nella rete nel momento in cui il wi-fi rompe e riassembla i pacchetti della stessa, in tale frangente il virus sarebbe quindi in grado di intromettersi inserendo codici malevoli in grado di riassemblare in maniera scorretta il pacchetto di rete, e consentire quindi poi in un secondo momento all’hacker di spiare i dispositivi connessi alla rete compromessa. Attraverso questo tipo di pratica, ad esempio, è possibile causare danni come quello che ha colpito l’oleodotto Coneal negli USA.

Difendersi dal bug del wi-fi

Vanhoef ha presentato e sue scoperte alla WiFi Alliance. Alcune patch sono già state rilasciate, mentre altre sono di prossima uscita. Inoltre, l’informatico consiglia di navigare tramite connessioni HTTPS, uno standard che blocca una parte dei Frag Attack. Ecco uno stralcio dell’intervento di Vanhoef in merito al bug del wi-fi- scoperto: “Gli esperimenti indicano che ogni prodotto WiFi è affetto da almeno una vulnerabilità e che la maggior parte dei prodotti sono affetti da diverse vulnerabilità.

La scoperta di queste vulnerabilità è una sorpresa, perché la sicurezza del WiFi è notevolmente migliorata negli ultimi anni”.

Potrebbe interessarti anche Sviscerare la trasformazione digitale al Festival della digitalizzazione

Argomenti: ,