Bonus tv per digitale terrestre, l’arretratezza tecnologia degli italiani è preoccupante

Come sta andando il bonus tv? Alcuni numeri sullo switch del digitale terrestre.

di , pubblicato il
Come sta andando il bonus tv? Alcuni numeri sullo switch del digitale terrestre.

A piccoli e lenti passi gli italiani stanno svecchiando il loro modo di guardare la tv, del resto lo switch del digitale terrestre che ci attende a metà 2022 lo rende necessario. Ma quali sono i numeri legati al bonus tv e alla nuova tecnologia che sta per arrivare?

Bonus tv del digitale terrestre

Il 18 dicembre del 2019 è partito il progetto bonus tv, un sostegno per aggiornare il proprio televisore con un decoder adatto alla nuova tecnologia in arrivo, o per sostituirlo del tutto con una nuova tv. A metà del 2022 infatti il digitale terrestre cambierà ancora, (dopo il change del 2010) e passerà allo standard DVBT-2/HEVC portando in buona sostanza l’HD in tutte le nostre case. In questi 12 mesi sono stati erogati 301.644 contributi per un totale di 15.079.734 euro, su una disponibilità complessiva di 151 milioni stanziati.

Il lockdown di marzo però ha rallentato, anzi del tutto bloccato, questo progressivo flusso di bonus e rispettivo change di dispositivi tecnologici per la nuova tv. Con la riapertura estiva però la ripresa è stata netta e il trend è tornato ad essere in grande crescita. Il dato chiaro che ne scaturisce però è che l’Italia è un paese ancora tecnologicamente troppo arretrato, e lo si evince nelle abitudini dell’italiano medio.

Dei 30 milioni di apparecchi televisivi sostituiti in questo anno, perché troppo arretrati, 1 milione era addirittura caratterizzato dal preistorico tubo catodico. Ricordiamo che per fare domanda e ricevere i 50 euro di bonus tv è necessario compilare il modulo. Ecco di seguito invece le date dello switch nelle varie regioni italiane.

1 settembre-31 dicembre 2021 (Area 2 e 3)
Valle d’Aosta
Piemonte
Lombardia
Emilia Romagna
provincia di Trento
provincia di Bolzano.
1 gennaio 2022-31 marzo 2022 (Area 1)
Liguria
Toscana
Umbria
Lazio
Campania
Sardegna.


1 aprile 2022-20 giugno 2022
Sicilia
Calabria
Puglia
Basilicata
Abruzzo
Molise
Marche

Potrebbe interessarti anche Distiamo, tag indossabili per il distanziamento sociale, così ripartiranno le aziende nel 2021

Argomenti: ,