Bonus smartphone e kit digitalizzazione, c’è l’ok del Senato nella Legge di Bilancio

Approvato al Senato il kit digitalizzazione, ecco cos'è.

di , pubblicato il
Approvato al Senato il kit digitalizzazione, ecco cos'è.

C’è l’ok da parte del Senato, approvata definitivamente con 156 voti favorevoli e 124 contrari la Legge di Bilancio 2021, tra le proposte più innovative il bonus smartphone che spinge sempre più verso la digitalizzazione dei cittadini.

Bonus smartphone, c’è l’ok

In verità, le cose ora sono state smussate un po’ e le notizie sono leggermente diverse, più che un vero e proprio bonus smartphone, si tratta di un dispositivo a scelta, definito kit digitazione, poiché prevede anche l’accesso a informazioni. Nello specifico l’articolo 612 prevede di sostenere l’accesso ai servizi informativi per le famiglie a basso reddito, ovvero ISEE inferiore ai 20 mila euro all’anno. Si tratta quindi di famiglie che godono già del voucher banda larga.

In questo caso si aggiungono 100 euro di bonus che serviranno come sconto per l’acquisto abbonamenti a quotidiani, riviste o periodici, anche in formato digitale. La misura è valida per l’anno 2021 e 2022, fino a un massimo di 25 milioni stanziati all’anno. Quello del kit di digitazione in senso proprio invece è inquadrato nell’articolo 623 della Legge di Bilancio.

In questo caso, coloro che avranno sempre ISEE inferiore ai 20 mila euro annui, e che non sono già titolari di un contratto con operatore telefonico potranno ricevere un dispositivo elettronico in comodato d’uso. Conditio sine qua non, almeno un componente della famiglia deve essere iscritto a un ciclo di istruzione scolastico o universitario. La domanda deve essere sempre posta tramite i canali ormai classici, quindi muniti di SPID.

Potrebbe interessarti anche Addio a WhatsApp per questi smartphone, la lista dei device che dall’1 gennaio non funzionano

Argomenti: ,