Non solo Google Glass, ecco Apple VR: in arrivo soluzioni per la realtà aumentata

Apple si lancia nel mondo della realtà virtuale, ma non soltanto. Nelle intenzioni dell'azienda, infatti, vi sono ben altri e più ambiziosi progetti. Scopriamoli insieme. Ecco, intanto, tutto quello che occorre sapere su Apple VR.

di , pubblicato il
apple realta aumentata

Aggiornamento. Cosa c’entra la Apple con Google Glass? semplice: secondo quanto riportato da Bloomberg, fonte estremamente credibile, la casa di Cupertino starebbe pensando (ma non ha ancora avviato la produzione) a una nuova tecnologia indossabile, dei visori per la realtà aumentata e virtuale che consentano di esplorare un ambito all’interno del quale la Apple non vuole resta indietro. Sembra, inoltre, che l’azienda di Tim Cook abbia già dato avvio a un ordine (limitato a non molte unità) di display adatti per un gadget indossabile: la notizia non è stata ufficializzata, ma sembra essere sempre più chiaro che anche la Apple intende entrare in questo mercato, che, comunque, fino ad oggi, si è rivelato perlopiù un flop.

Google Glass, come di certo tutti i nostri lettori ricorderanno, corrisponde ad un progetto avviato dalla software house di Mountain View al fine di rendere definitiva l’implementazione di un nuovo concept di occhiali, le cui funzioni sono da ricondurre al concetto di realtà aumentata. Un prodotto che Google ha reso disponibile per gli sviluppatori della Google I/O degli States già all’inizio del 2013 e che tenta ora di riproporsi, in chiave Apple, anche per quello che sembra il nuovo progetto interno che cammina di pari passo alle nuove frontiere Hi-Tech introdotte in merito alla Virtual Reality Technology. La realizzazione di un wearable device del tutto simile al precedente, di fatto, risponde alla volontà del colosso di Cupertino di immettersi in un mercato ormai saturo di prodotti, che conta si sul puro concetto visto con BigG ma rivisitato ora in chiave più moderna e, pertanto, tecnologicamente più avanti rispetto alle aspettative di un passato che, per ovvie ragioni, non può contare sui nuovi traguardi raggiunti nel settore.

Dal mondo della casa di Cupertino, ecco Apple iPhone 8: display OLED solo su uno dei tre modelli e l’accordo con Energous.

Progetto Apple Glass VR ed AR, cosa sono le due tecnologie, oltre Google Glass

Spesso e volentieri, gli utenti meno adepti ai nuovi canoni introdotti dalle tecnologie di fruizione tridimensionale dei contenuti si trovano disorientati di fronte a delle sigle apparentemente convergenti verso un unico punto.

Detto questo, all’atto pratico, si tende a generalizzare il concetto VR ed AR , credendo erroneamente che entrambi i campi significano la stessa cosa.
Con Apple VR (Virtual Reality), in questo caso, si intende indicare una particolare tecnologia che consente di realizzare un ambiente full-immersive per la proiezione dei contenuti, sui quali interagire anche mediante il sistema sensoriale dell’hardware ospite (generalmente uno smartphone) per spostarsi all’interno della scena ricostruita. In tal modo, è sempre possibile esplorare (ove previsto) l’ambiente circostante sfruttando il giroscopio ed il sensore magnetico, ad esempio.
Con Apple AR (Augmented Reality), invece, si indica un qualcosa di diverso, che esula dal semplice “essere spettatore” della scena per rifarsi, invece, ad un modello che si contestualizza all’ambiente che ci circonda. Si può pensare, e Microsoft lo ha dimostrato con il suo Hololens, di arredare casa spostando oggetti, mobili ed altre parti attingendo da modelli tridimensionali predefiniti. Il tutto, quindi, consentirà un’interazione molto vicina alla realtà che ci circonda.

Sempre dal questo mondo, ecco Windows 10 Creators Update: novità Paint 3D, Microsoft Edge e realtà virtuale a costi ridotti.

Apple VR/AR, quali sono le intenzioni dell’azienda?

Le intenzioni dell’azienda, in tal senso, convergono nell’utilizzo simultaneo delle due tecnologie sopra esposte. Apple AR ed Apple VR, secondo quanto riferito dai rapporti, troveranno posto all’interno di un unico innovativo dispositivo il cui arco temporale utile alla creazione è stato determinato entro e non oltre il prossimo biennio, con data utile da stabilirsi, perciò, entro il prossimo 2018. Il recruiting di personale esperto nell’uno e l’altro campo (AR e VR), unitamente a diverse scelte contestuali di mercato ed annessione aziendale,  sta comportando il delinearsi della nuova strategia da spendere nel settore.
Ad ogni modo gli ostacoli da superare sono davvero tanti, ed il flop registrato a seguito di Google Glass ne è una limpida prova, benché soluzioni concorrenti come Microsoft Hololens (che pur rappresenta una soluzione adottata da un mercato di nicchia) siano riuscite a ritagliarsi un loro angolo di mercato e di preferenza, nonostante il costo non proprio alla portata dell’utente medio (circa $3.000).


Molti, pertanto, hanno preferito e, di fatto, stanno preferendo puntare molto sul concetto di Virtual Reality, piuttosto che sull’AR. Ad ogni modo la realtà virtuale Apple potrebbe andare oltre questo trend comune, per rifarsi ad un’ottica di mercato decisamente completa e competitiva. Lo prova il fatto che, in tempi recenti, il CEO Tim Cook ha dispoto alcuni interventi di accorpamento nei confronti di alcune start-up specializzate in sviluppo software AR.

apple visore realta aumentata

Apple punta alla creazione di un nuovo visore AR/VR, ma la sfida è davvero ardua

Le sfide da affrontare per il colosso di Cupertino nell’implementazione mainstream del comparto AR sono davvero molte, ma non sembra in alcun modo scoraggiare il Capo Esecutivo della compagnia, che in un recente intervento si è espresso dicendo che non vi sono sfide tecnologiche difficili da fronteggiare e che, in futuro, ci si chiederà come sia stato possibile convivere in un mondo informatizzato privo di tale tecnologia. Tra accordi con potenziali fornitori quali PrimeSense, Metaio, e Flyby e start-up di sviluppo ed opinioni interne forse troppo ottimistiche, aspettiamo quello che, per Apple Inc. e l’intero comparto Hi-Tech del moderno mondo VR/AR, potrebbe essere un futuro che, da qui a tre anni, si prospetta disseminato di innovazioni e drastici cambiamenti. Ne sapremo di più solo col tempo. Intanto, puoi rilasciare la tua personale opinione in proposito, evidenziando quelli che per te sono i pregi ed i difetti dell’uno e dell’altro sistema.

Infine, ecco Google Tango arriva su Lenovo Phab 2 Pro: la realtà aumentata è a portata di mano.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.