Apple: Siri offline in arrivo?

Apple ha acquistato Novauris Technologies, compagnia specializzata nel riconoscimento vocale che dovrebbe lavorare all'ottimizzazione e al miglioramento di Siri e, forse, farlo funzionare anche offline. Rivoluzione alle porte?

di Daniele Sforza, pubblicato il
Apple ha acquistato Novauris Technologies, compagnia specializzata nel riconoscimento vocale che dovrebbe lavorare all'ottimizzazione e al miglioramento di Siri e, forse, farlo funzionare anche offline. Rivoluzione alle porte?

Gli acquisti di società piccole o medie da parte di grandi colossi come Facebook, Google o Apple ci possono dire molto sulla direzione che stanno prendendo le grandi aziende e sui prodotti che dovremo aspettarci nel prossimo futuro. La recente acquisizione (non ancora propriamente ufficiale) di Novauris Technologies da parte di Apple, ad esempio, rimanda subito a Siri e a tutte le possibilità che l’assistente vocale dei device Apple potrebbe sfruttare. Novauris è infatti una piccola compagnia specializzata nella realizzazione di tecnologie dedicate al riconoscimento vocale: fosse solo questo ci accontenteremo di raccontare che probabilmente Siri necessita di un’ottimizzazione e di un potenziamento e che i tipi di Novauris sono le persone giuste per fare questo (sporco) lavoro. Però non è solo questo… 

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Cortana su Windows Phone 8.1: è subito sfida con Siri di Apple

 

Siri offline: realtà o utopia?

Da TechCrunch passando per tutti gli altri siti che hanno fatto rimbalzare la notizia, non ci siamo fermati ai miglioramenti che investiranno Siri nei prossimi mesi, ma ci siamo fatti trasportare dall’immaginazione, il che non significa che quello che si sente già da un po’ sia falso: Novauris, infatti, non si distingue dalle altre aziende del settore solo per lavorare sulle tecnologie di riconoscimento vocale online, ma anche in locale, ovvero senza la necessità e il supporto di server esterni. E’ dunque probabile che Apple abbia messo gli occhi su Novauris proprio per andare in questo direzione: far funzionare Siri anche offline, migliorare un servizio già buono, renderlo perfetto. 

Una strada questa che sta prendendo anche Google, ma sulla quale Apple sembra già aver percorso un bel tratto. Con l’avvento di CarPlay il riconoscimento vocale sta diventando uno dei principali punti di forza della società di Cupertino: Siri offline sarebbe decisamente un ulteriore passo in avanti per Apple e per questo tipo di tecnologia, che ci verrebbe in soccorso anche quando non possiamo appoggiarci al WiFi o a una connessione dati. 

Voi che ne pensate?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove tecnologie