Apple punta tutto sulla realtà aumentata con l’acquisto di Vrvana

Realtà aumentata e nuove tecnologie. Apple traccia il nuovo percorso puntando su Vrvana, la startup canadese creatrice del rivoluzionario visore Totem.

di , pubblicato il
Realtà aumentata e nuove tecnologie. Apple traccia il nuovo percorso puntando su Vrvana, la startup canadese creatrice del rivoluzionario visore Totem.

Apple ora sembra fare davvero sul serio. Secondo alcune voci di corridoio, la società di Cupertino ha messo le mani su Vrvana ed ha intenzione di dare la sterzata decisiva sul mondo della realtà aumentata. Considerata da sempre la sorella minore della realtà virtuale, la tecnologia AR invece per certi versi si è già dimostrata a misura di uomo, ossia al passo con il presente, essendo sostanzialmente molto più avanti rispetto alla più celebre VR.

Apple acquista Vrvana, all in sulla realtà aumentata

Secondo il sito TechCrunch, Apple ha acquistato per 30 milioni di dollari la startup Vrvana, L’azienda canadese, che in passato ha già collaborato con Tesla, dovrà aiutare i cervelloni di Cupertino a creare hardware innovativi e superavanzati per sistemi di realtà aumentata. Non è una grande sorpresa a dire il vero, ormai è chiaro l’intento di Apple in questo senso, la società infatti ha recentemente acquistato i servigi anche di aziende come SMI, Fliby Media, Emotient, Faceshift e Metaio, per non parlare poi del recente lancio di ARKit.

Leggi anche: Realtà virtuale, a Padova l’esperienza VR che mette alla prova tutti e 5 i sensi

Insomma, le intenzioni di Apple sono chiare, la realtà aumentata è la strada da percorrere. Puntare su Vrvana non è un azzardo secondo gli esperti, considerando quel capolavoro che la startup ha prodotto tempo fa e che risponde al nome di Totem. Il progresso del visore in questo campo sono sotto gli occhi di tutti, o almeno degli addetti ai lavori che hanno avuto il piacere di provarlo. Peccato infatti che il visore Totem non ha mai visto praticamente il vasto pubblico, visto che non è mai giunto realmente sul mercato.

Vrvana chiamata ad un altro capolavoro per conto di Apple

Totem merita sicuramente due parole: si tratta di un visore extended reality che mescola sapientemente realtà aumentata e realtà virtuale. La sua particolarità è data dall’utilizzo di fotocamere per replicare il mondo esterno sui display OLED. Le telecamere sono dotate di una particolare tecnologia che consente al visore di tracciare la posizione nello spazio 3D, mentre telecamere a infrarossi tracciano le mani dell’utente. Benché ci siano tecnologie simili nel campo dei videogiochi, l’obiettivo di Vrvana, e quindi anche di Apple, è quello di raggiungere le aziende.

Il tracciamento delle mani è infatti ciò che pare abbia convinto Apple a puntare sulla startup canadese. Questo tipo di tecnologia, infatti, permette al lavoratore di manipolare oggetti virtuali manualmente ovunque si trovi.

Leggi anche: Intelligenza artificiale, la tecnologia IA ha superato l’uomo anche nell’arte

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,

I commenti sono chiusi.