App infette nello store, attenzione ai bambini con lo smartphone in mano

Pericolo app per sfondi, i bambini sono i soggetti più vulnerabili.

di , pubblicato il
Pericolo app per sfondi, i bambini sono i soggetti più vulnerabili.

Altro pericolo per i nostri smartphone, scoperte diverse applicazioni infette sul Play Store, rubano i nostri soldi appioppandoci abbonamenti indesiderati. Attenzione ai bambini.

App infette nello store

Sette nuove app infette scovate dai ricercatori di Avast nel Play Store di Google. Le app naturalmente sono state rimosse, ma per chi ha già effettuato il download il pericolo rimane altissimo. E attenzione soprattutto ai bambini. Si tratta infatti di app denominate fleeceware, ovvero quelle che offrono particolari sfondi e si adattano come pop up di alcuni giochi. Ad esempio le troviamo tra i banner pubblicitari di famosi videogame come Minecraft.

Per questo motivo i soggetti più a rischio sono i bambini. Inutile dire che, anche se piccoli, i nativi digitali sono ormai molto presenti al mondo degli smartphone. Quante volte abbiamo visto piccoli di 4 o 5 anni già con lo smartphone in mano a giocare con i videogiochi di mamma e papà? Ecco, basta una piccola distrazione del piccolo, che mal conosce le insidie del web, ed ecco che il banner ti mette sul conto un abbonamento salatissimo.

Ma quali sono le app incriminate? Ecco l’elenco fatto da Avast:

Skins, Mods, Maps for Minecraft PE, oltre 1 milione di download e 30 dollari a settimana;
Skins for Roblox, oltre 1 milione di download e 30 dollari a settimana;
Live Wallpapers HD & 3D Background, oltre 100.000 download e 90 dollari l’anno;
MasterCraft for Minecraft, oltre 1 milione di download e 30 dollari a settimana;
Master for Minecraft, oltre 1 milione di download e 30 dollari a settimana;
Boys and Girls Skins, oltre 1 milione di download e 30 dollari a settimana;
Maps Skins and Mods for Minecraft, oltre 100.000 download e 30 dollari a settimana.

Potrebbe interessarti anche PS5, tutti i videogiochi nuovi presenti al lancio della console

Argomenti: , ,