Android 12 in versione beta, già disponibile non solo per Pixel

Arriva in versione beta Android 12, ecco quali smartphone sono idonei.

di , pubblicato il
Android 12

È ufficialmente partito il programma per la versione beta di Android 12, Google ha dato il là ai test con i suoi smartphone Pixel, ma presto anche altri device potranno godere delle nuove funzioni disponibili. Cosa ci attende? Diamo uno sguardo alle ultime news.

Android 12 in versione beta

Le versione Devoloper Preview che ha visto protagonista i Pixel di Google ora cede il passo alla beta. Spazio anche ai device targati ASUS, Oppo, Realme, Xiaomi, Sharp, TCL, OnePlus, Vivo e ZTE. Per la lista completa vi rimandiamo alla pagina ufficiale Android, ma ora scopriamo insieme quali sono le novità che il nuovo sistema operativo aggiornato porterà con sé.

Saranno quattro le versioni beta che porteranno al rilascio della versione definitiva da parte di Google, l’ultima è prevista per agosto. L’obiettivo di Big G per questo nuovo upgrade sembra focalizzato tutto sulle prestazioni, maggior velocità e affidabilità per le app che dovranno girare sul nuovo OS, ma anche un nuovo standard per dare prestazioni più alte agli sviluppatori stessi. Il grande cambiamento però non riguarderà soltanto la sostanza, ma anche la forma. Arriva infatti un nuovo design completamente rivoluzionato.

Luce, movimento, forme nuove, colori diversi, tutto sarà rivoluzionario con Android 12, al fine di rendere l’OS più espressivo e dinamico. Ecco le parole di Dave Burke, VP of Engineering di Google: “Questo lavoro viene svolto in profonda collaborazione tra i nostri team di software, hardware e Material Design e stiamo unificando i nostri ecosistemi software e hardware in un unico linguaggio di progettazione chiamato Material You”.

Le novità di Android 12

Tutto su misura dell’utente, questo il must di Google per il nuovo sistema operativo ora in versione beta.

Naturalmente, un occhio di riguardo sempre alla questione privacy, cos come a quella relativa alla sicurezza del dispositivo. Il nuovo standard è chiamato Performance Class, e consente alle app e agli utenti di identificare i dispositivi ad alte prestazioni. Ancora una volta sono le parole di Burke a esplicare il concetto: “Per gli sviluppatori, offriamo più strumenti per creare esperienze piacevoli per le persone su telefoni, laptop, tablet, dispositivi indossabili, TV e automobili”. Aggiornati anche i widget da parte degli sviluppatori, ora più utili e personalizzabili, con tanto di pulsanti di opzioni.

Potrebbe interessarti anche Virtuo, la startup dedicata al noleggio delle auto, raccoglie 96 milioni di euro

Argomenti: ,