Alert browser, la pagina che rovina i nostri smartphone, ecco cosa fare

Scatta l'allarme antitruffa della Polizia Postale, i messaggi di alert che appaiono sui nostri smartphone sono pericolosissimi. Ecco come difendersi.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Scatta l'allarme antitruffa della Polizia Postale, i messaggi di alert che appaiono sui nostri smartphone sono pericolosissimi. Ecco come difendersi.

E’ allarme per i nostri smartphone, le ricerche del web possono creare non pochi problemi, del resto internet è un luogo ricco di insidie. Vi è mai capitato di finire su una pagina indesiderata una volta avviata una ricerca con il vostro device? Magari una pagina “alert“? Bene, cioè male. Quelle pagine sono un grosso problema per il nostro smartphone.

Allarme pagine alert, occhio alla truffa

La Polizia Postale lancia nuovamente l’allarme, torna l’allerta da parte del Commissariato di PS Online. “Sono raggiri ai quali non si deve dar seguito. Chiudere forzatamente il browser e cancellare la cache dello stesso” recita il comunicato. La stragrande maggioranza di coloro che possiedono un telefonino con una connessione e con la possibilità di accedere al browser web ricorderà che la gran parte delle pagine che si aprono automaticamente e abusivamente rimandano a messaggi strani, quasi tutti del tipo “alert”, per destare allarme nell’utente che si vede sul proprio display la comunicazione di un nuovo virus che avrebbe infettato il dispositivo.

Leggi anche: Allarme app natalizie, attenzione agli attacchi hacker durante le feste

Tali messaggi rimandano ad ulteriori azioni da fare che però finiscono per rovinare definitivamente il nostro smartphone con virus e malware. Questa nella migliore delle ipotesi. Nella peggiore infatti questi furfanti cercheranno di carpire i nostri dati presenti sul device, come i nostri contatti della rubrica telefonica, se non addirittura password e altro salvati su block notes o cache. Ricordiamo quindi il consiglio della Polizia Postale, chiudere immediatamente il browser e svuotare la cache.

A Natale le truffe aumentano

L’allarme lanciato dalla Polizia Postale sulla propria pagina Facebook non è certo casuale. Proprio in questo periodo infatti le frodi informatiche sono in aumento. Durante le feste natalizie infatti si registra un aumento di casi del genere, in particolare con messaggi fasulli su WhatsApp e altri social, ma anche sul web con il motore di ricerca che viene assediato da offerte fasulle che si dimostrano poi delle vere e proprie truffe. Massima attenzione quindi a cosa cliccate e prima di effettuare un pagamento online seguite sempre tutte le accortezze del caso per evitare raggiri o brutte sorprese.

Leggi anche: Google e la guerra alle fake news, da ora è fondamentale rivelare l’origine del sito

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tendenze del web