Adobe Flash ai saluti finali: addio entro 2 anni

Si avvicina sempre di più l'addio ad Adobe Flash: per Encoding.com, entro 2 anni ci sarà il saluto definitivo.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Si avvicina sempre di più l'addio ad Adobe Flash: per Encoding.com, entro 2 anni ci sarà il saluto definitivo.

Ultimamente si parla frequentemente di un addio ad Adobe Flash, il supporto di riproduzione video più detestato del web, un po’ per i problemi di caricamento delle pagine web che lo supportano, un po’ per gli infiniti problemi di sicurezza che lo caratterizzano, e che di fatto lo hanno totalmente escluso dalla rivoluzione mobile in corso. Secondo un rapporto di Encoding.com, l’addio ad Adobe Flash è molto più vicino di quanto si pensi: entro 2 anni, infatti, potrebbe scomparire del tutto. Una notizia che segue quella dell’addio ad Adobe Flash da parte di Facebook, addio però legato solo ai contenuti video e non ai giochi come Candy Crush, Farm Heroes Saga e via dicendo, e anche quello della stessa Adobe.   Secondo l’ultimo rapporto di Encoding.com, dunque, Adobe Flash ha registrato un calo evidente rispetto al 2014, quando l’utilizzo del supporto era al 21%. Oggi, invece, solamente il 6% dei video riprodotti sul web è trasmesso tramite Adobe Flash. Un decremento a dir poco vistoso che potrebbe aumentare ulteriormente nell’arco dei prossimi 2 anni fino ad arrivare all’azzeramento assoluto.   In sostituzione di Adobe Flash, già imperano due formati, vale a dire WebM e H.265, noto anche come HEVC. Attualmente, infatti, il più utilizzato è il codec video H.264, che però sarà a breve sostituito da H.265, e che troviamo nel 72% circa dei video online. Il codec WebM è invece utilizzato nel 12% dei video online e ha come principali punti di forza il fatto che è totalmente gratis e il fatto che è in continua crescita grazie all’adozione da parte dei 2 browser web più utilizzati dagli utenti, vale a dire Google Chrome e Mozilla Firefox, per quanto riguarda i video in HTML 5. Il codec HEVC, invece copre solamente il 6% del mercato, ma dalla sua ha l’adozione e il supporto assicurato da Netflix per ciò che concerne i video in 4K in streaming, e l’utilizzo da parte di Apple legato a FaceTime.   Insomma, per Encoding, e non solo per Encoding, ormai siamo ai saluti finali con Adobe Flash, già prepensionato dalla stessa Adobe e dal social network Facebook: il lungo addio a Flash, pertanto, risulterà essere sempre meno lungo con il tempo che passa.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Audio-Video, Servizi, Notizie