Addio Amazon Pantry, chiude il servizio dedicato alla spesa online

Amazon Pantry ci saluta e se ne va, ma per noi clienti non cambierà assolutamente nulla.

di , pubblicato il
Amazon Pantry ci saluta e se ne va, ma per noi clienti non cambierà assolutamente nulla.

Diciamoci la verità, questo Amazon Party è stato forse l’unica vera fregnaccia realizzata dal gruppo Amazon, ordini minimi da effettuare, prezzi salati, prodotti tutto sommato provabili altrove, insomma un flop senza capo ne coda, ora chiude, ma la sorpresa è che era durato anche troppo.

Amazon Pantry, ciaone

Ci abbiamo provato a fare la spesa su Amazon Party durante la forte quarantena che abbiamo vissuto tra la seconda metà di marzo e il mese aprile. Abbiamo chiuso la pagina di Pantry dopo 2 minuti. Prezzi enormi, tempi di spedizione biblici, prodotti davvero pochi, insomma mentre navigavamo ci veniva da chiedere: “ma perché?!”. C’è davvero da meravigliarsi che questo servizio sia rimasto in piedi per tanto tempo.

Sappiamo altrettanto benissimo che ci sarà qualcuno dei lettori che invece dirà di essersi trovato benissimo, e che in fondo anche questo servizio aveva il suo perché. Ad ogni modo, la scelta stesa di Amazon di chiuderlo smentisce coloro che lo rimpiangeranno. Infatti, dal 30 giugno la speciale sezione della piattaforma dedicata allo shopping online smetterà di esistere. Niente paura comunque, i prodotti li troverete ugualmente all’interno della piattaforma come tutti gli altri disponibili.

Se siete clienti Prime beneficerete della spedizione celere, se la vostra zona è coperta da Prime Now arriverà il giorno stesso, insomma meglio ancora di quanto offriva questo ormai famigerato Pantry. In parole povere, per il compratore non cambia assolutamente niente, semmai anzi migliorerà qualcosa, forse tempi di spedizione più celeri, sempre che l’emergenza Covid non ritorno con la seconda ondata e allora metta di nuovo in crisi tutto.

Sicuramente, il fattore Coronavirus ha fortemente messo gli occhi su questa sezione della piattaforma, mostrandone le pecche, una sezione che probabilmente prima non era tenuta molto d’occhio dai compratori stessi, i quali costretti pii a fare la spesa sul web, si sono accorti di quanto fosse pessimo questo servizio e hanno deciso di lamentarsene provocando quindi una reazione da parte di Amazon.

Potrebbe interessarti anche WhatsApp da invisibili, ecco come fare per non fasi vedere quando siamo in chat

Argomenti: